IN TANTISSIMI PER L’ADDIO ALL’EX VICEQUESTORE
L’ultimo saluto a Walter Fazio: “Tutti lo porteremo nel cuore”

Gremita la chiesa di San Michele dove sono stati celebrati i funerali. Il commovente ricordo delle figlie: “Una fortuna averti come papà. Grazie per la tua grande testimonianza di vita e di fede”

GIOGARA

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Erano in tantissimi, giovedì pomeriggio, a dare l’ultimo saluto all’ex vicequestore e assessore alla sicurezza, Walter Fazio che si è spento all’età di 79 anni dopo una lunga carriera in Polizia.

A stringersi al dolore della moglie Giovanna, delle figlie Marina, Emanuela e Valeria, c’erano numerosi rappresentanti delle istituzioni: il sindaco Emanuele Antonelli, in fascia tricolore e il vicesindaco Isabella Tovaglieri che hanno accompagnato il feretro all’ingresso della chiesa, l’ex sindaco Gigi Farioli, assessori e consiglieri comunali, la senatrice Erica D’Adda, l’assessore regionale Raffaele Cattaneo e il presidente del consiglio comunale Valerio Mariani. C’erano i colleghi delle forze dell’ordine, FrancNovati, dirigente del Commissariato di Busto Arsizio, il Luogotenente dei Carabinieri  Francesco Caseri, il Comandante dei Carabinieri, Marco D’Aleo e tantissimi cittadini che lo hanno conosciuto e stimato per l’animo nobile e il profondo senso delle istituzioni. Gremita la chiesa di San Michele dove sono stati celebrati i funerali.

Il parroco, don Giorgio Fantoni, ha espresso il sentimento di tutti: la profonda riconoscenza e il ringraziamento “ad un uomo credente, padre e marito devoto, umile servitore dello Stato, profondamente rispettoso delle istituzioni”. “Walter l’hanno stimato in tanti, era apprezzato per la sua riservatezza, le parole sempre misurate, che non sconfinavano mai nelle ovvietà, nella sua vita ha cercato sempre di essere così, una persona buona e di ampie vedute – ha sottolineato don Giorgio – tutti portiamo nel cuore un suo ricordo bello e positivo”.

Commoventi, al termine della cerimonia, le parole lette dalla figlia più piccola, Valeria: “Ciao papà, tocca a me esprimerti quello che noi figlie sentiamo nel cuore. Di fronte a questa folla non posso che ringraziarti per la tua grande testimonianza di vita e di fede. In molti mi hanno scritto dicendomi che ho avuto una grande fortuna ad averti come papà. Ricordo il tuo stile, la tua eleganza inconfondibile, l’amore per la tua famiglia”.

Valeria ha poi ricordato un aneddoto che denota la grandezza d’animo del padre: “Nel giorno del mio compleanno, di fronte all’arresto di un latitante, mi dicesti che al mondo non esistono uomini cattivi ma solo uomini soli”. E, al termine del suo saluto, ha voluto che in chiesa risuonasse una musica composta dal padre, che aveva tra le sue qualità anche l’estro artistico.

Il Primo Cittadino, Emanuele Antonelli, con il gonfalone e la fascia tricolore ha voluto rendergli un omaggio “non semplicemente rituale ma profondamente voluto”: “Era un vero signore, con un sorriso dolce, commissario competente, politico moderato e attento al bene comune, amico su cui contare. Mi mancheranno – ha detto Antonelli – i suoi saluti e auguri sempre puntuali in ogni occasione”. Anche gli amici Lions, attraverso la voce di Gigi Chierichetti, hanno rivolto il loro emozionato saluto ad “un marito e padre esemplare che lascerà un’eredità di fede e di amore”.

Copyright @2018