Storie biancoblù
Maggio 1982, agognata C1

Mi ritrovo al “Pizzo”, bar situato all’inizio di via San Michele. Scambio quattro battute con Giancarlo Colombo, presidente della Pro Patria. Una pacca sulle spalle,  stai “cavezzo” (buono) abbiamo fatto un paio di cose interessanti...

Giorgio Giacomelli

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Mi ritrovo al “Pizzo”, bar situato all’inizio di via San Michele. Scambio quattro battute con Giancarlo Colombo, presidente della Pro Patria. Una pacca sulle spalle,  stai “cavezzo” (buono) abbiamo fatto un paio di cose interessanti, devo correr via, ho in ballo una consegna di mortadella da non perdere.

La mortadella di fegato del Giancarlo era  “eccezziunale”, secondo pretto stile bustocco nella lavorazione di carni ed insaccati misti. A metà strada la PRO è in testa, la gente salta, Hofling bonfonchia “piano, piano, abbiamo superato un piccolo obstaculo”. Poi son soli 7 punti in 10 gare, beninteso il 4 a 1 subito dal Pergocrema fuori casa. Norberth sentenzia… invece di ragionare, ci siamo buttati allo sbaraglio… perdere 1 a 0 o 4 a 1 non cambia niente… la fortuna è con noi, hanno perso anche i nostri diretti avversari.

Indi Bardelli sistema l’Omegna in casa, Rovellini guadagna il pari Legnano, Bardelli e Frara sbancano il Picco a La Spezia, infine Maruzzo, mancino con 10 sulle spalle, quasi diabolico all’Enrico Candiani fine anni quaranta, fustiga la  Casatese allo Speroni, certifica la promozione in C1 con la Vogherese a 5 punti a due giornate dal termine.

Il presidente Colombo issato sulle spalle dei “TIGERS SUPPORTERS” indiavolati per tutta la gara, riesce a dire “abbiamo dimostrato sul campo che eravamo e siamo forti”, il vice Felotti annuisce “attendiamo coloro che sono stati alla finestra”, il capitano Marchetti sussurra “grossa soddisfazione, certo, una promozione la si gusta, eccome! Abbiamo sofferto parecchio ma ce l’abbiamo fatta”.

Il pubblico bustese, 8.000 presenze il 4 aprile 1982 (Pro Patria-Carrarese 0 a 0) rispose alla grande, quelli “alla finestra” lo sono tutt’ora con Patrizia Testa.

Copyright @2020

DALLE RUBRICHE