Marco Bonometti è il nuovo presidente di Confindustria Lombardia

Il Consiglio di Presidenza di Confindustria Lombardia, ha eletto con consenso unanime Marco Bonometti presidente per il quadriennio 2017-2021

MILANO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il Consiglio di Presidenza di Confindustria Lombardia, ha eletto con consenso unanime Marco Bonometti presidente per il quadriennio 2017-2021. Bonometti nel corso delle consultazioni dei componenti del Consiglio, svolte dalla Commissione di designazione (composta dagli ultimi tre Past President di Confindustria Lombardia), era stato individuato come candidato unico.
Nato nel 1954, bresciano, Marco Bonometti è presidente ed amministratore delegato di OMR – Officine Meccaniche Rezzatesi, gruppo industriale multinazionale specializzato nella componentistica per automobili. Nel 2012 è stato nominato Cavaliere del Lavoro dal Presidente della Repubblica. Nel corso della sua attività associativa, Bonometti ha ricoperto il ruolo di Presidente dell’Associazione Industriale Bresciana dal 2013 al 2017.
“Ringrazio i colleghi del Consiglio di Presidenza per la fiducia riposta nella mia persona: l’industria lombarda – ha dichiarato il neo presidente Marco Bonometti – è arrivata alla nomina con grande compattezza. Questa unità ci dovrà accompagnare durante questo nuovo percorso che ci accingiamo ad affrontare insieme, e rappresenterà il valore aggiunto, per contare di più, per continuare a competere: solo attraverso l’unità potremo affermare la leadership di Confindustria Lombardia sia verso i nostri stakeholders regionali, nazionali ed europei, sia all’interno, verso il nostro sistema”.
“In particolare, nei confronti di Regione Lombardia – prosegue Bonometti – continueremo la collaborazione e il confronto per la crescita e lo sviluppo della Lombardia, con un focus specifico sulla manifattura del futuro, perno della nostra economia. L’interlocuzione con il governo regionale sarà fondamentale anche alla luce del percorso intrapreso da Regione di ulteriore accrescimento delle proprie competenze”.
“Per essere protagonista anche a livello nazionale ed europeo, poi, Confindustria Lombardia metterà sempre più a sistema le competenze e le progettualità presenti nei nostri territori: in Lombardia abbiamo mezzi, persone e capacità ai livelli più alti d’Italia. Valorizziamo queste potenzialità e contribuiremo a creare un sistema industriale più forte e moderno e, attraverso esso, un Paese più competitivo” ha concluso Marco Bonometti.
Al Consiglio di Presidenza di Confindustria Lombardia è intervenuto il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia: “Nel formulare un grande in bocca al lupo al neo presidente eletto Marco Bonometti ringrazio per il lavoro svolto Alberto Ribolla con il quale abbiamo condiviso l’importanza della questione industriale per il Paese. Apprezzo l’unità di consenso: una scelta di Confindustria Lombardia che premia due presidenti, Ribolla e Bonometti, con grande esperienza del sistema associativo” ha dichiarato il Presidente di Confindustria.
Il neo Presidente di Confindustria Lombardia ha infine ringraziato il suo predecessore, Alberto Ribolla, per tutto l’impegno profuso e gli importanti risultati raggiunti nei quattro anni della sua presidenza.
“La scelta unanime ricaduta sul nome di Marco Bonometti quale nuovo Presidente di Confindustria Lombardia – commenta il presidente dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, Riccardo Comerio – sancisce ancora una volta la capacità del nostro Sistema regionale di rappresentanza di saper fare sintesi e quadrato con scelte condivise anche in momenti così cruciali della vita associativa. Siamo sicuri che l’esperienza imprenditoriale e confindustriale di Bonometti sarà preziosa per supportare il mondo delle imprese in questi prossimi quattro anni che saranno cruciali su più fronti. E durante i quali Bonometti potrà contare sul supporto e la collaborazione di Varese. Due sfide su tutte attendono Confindustria Lombardia nel prossimo futuro: il pieno avvio del Digital Innovation Hub Lombardia per il traghettamento del sistema produttivo verso una piena e diffusa implementazione dell’industria 4.0 anche nelle Pmi e la trasformazione del nostro territorio nella nuova Davos della manifattura mondiale attraverso l’organizzazione del World Manufacturing Forum che dal prossimo anno si terrà in pianta stabile a Cernobbio. Un’opportunità, quest’ultima, da non perdere per fare della Lombardia il baricentro internazionale del confronto e dello sviluppo delle nuove evoluzioni tecnologiche e organizzative dell’industria. Due importanti progettualità, quelle del DIH e del WMF, avviate da Alberto Ribolla che è giusto ringraziare per la sua preziosa presidenza di questi quattro anni. Un periodo durante il quale la nostra rappresentanza regionale ha potuto razionalizzare le proprie attività e le proprie forze, pur aumentando l’operatività in termini di progetti e tematiche messe in cantiere con competenza e sempre maggiore incisività a vantaggio delle imprese, anche nell’azione di tutela dei loro interessi nei confronti delle istituzioni. Un esempio concreto di innovazione della rappresentanza che Ribolla ha saputo pensare, impostare e realizzare facendo della Lombardia un modello per tutto il Sistema Confindustria”.

Copyright @2017