IL TEATRO INEDITO DI GUIDO MORSELLI
“Marx: in rotta verso l’uomo”

Con la partecipazione di STCV-Compagnia teatrale Anna Bonomi

GALLARATE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il Comitato “Guido Morselli il Genio Segreto”, grazie al patrocinio e alla collaborazione di: Fondazione Comunitaria del Varesotto, Il Comune di Gallarate, Il Comune di Varese, il Comune di Gavirate, Coopuf Iniziative Culturali, insieme a “STCV Compagnia Teatrale Anna Bonomi”, propone lo spettacolo teatrale “Marx: in rotta verso l’uomo”, ispirato all’opera teatrale di Guido Morselli “Marx: rottura verso l’uomo” presso il Teatro del Popolo di Gallarate (via Palestro, 5, Gallarate), sabato 14 aprile alle ore 21. Ingresso libero.

Introduzione a cura di Linda Terziroli e Silvio Raffo

“Marx: in rotta verso l’uomo”, spettacolo teatrale ispirato all’opera morselliana

“Marx: rottura verso l’uomo”, testo teatrale di Guido Morselli, edito da Sincronie, anno VII, fascicolo 14, Vecchiarelli Editore

Regista: Andrea Minidio

Interpreti: Andrea Minidio, Gloria Dusi, Marco Odorico, Michele Todisco, Gianni La Rocca, Anna Dipasquantonio, Philip Costeloe

Grafica e Comunicazione: Roberta Colombo

“Sono trascorsi due secoli dalla nascita di Karl Marx, il celebre autore del “Capitale” e mezzo secolo dalla stesura – nel rivoluzionario ’68- di questa opera teatrale di Guido Morselli e, mentre il filosofo-economista di Treviri non ha mai smesso di far parlare di sé, lo scrittore varesino d’adozione, Guido Morselli ha conosciuto alterne stagioni di memoria e di oblio” sottolinea il presidente del Premio Morselli, Silvio Raffo, “L’attenzione di Morselli verso i personaggi storici è da leggersi in chiave biografica e autobiografica, nella sua volontà di riscontrare nella vita l’incertezza, l’anello che non tiene, la crepa nel vaso dell’ideologia. E tutto questo in una prosa finissima e levigata, dissacrante e delicatamente ironica. Emerge un Karl Marx, omone altissimo e in vestaglia da camera, un po’ borghese e schiacciato dalla mole di lettura, forse, in questo parte, non così lontano dall’uomo Morselli”. All’interno del volume “Grazie all’opera Sulla scena (inedita) con Guido Morselli di Fabio Pierangeli, uno dei più grandi studiosi dello scrittore, UniversItalia, pubblicato nel 2012, si può studiare la produzione teatrale dello scrittore, andando ad intercettare le affinità tra teatro e narrativa e permettendo agli appassionati dello scrittore varesino un excursus nell’interessante campo teatrale” spiega Linda Terziroli, ideatrice del Premio Morselli: “Pierangeli ha dedicato opere di approfondimento a tre opere teatrali inedite “Il redentore”, “Cesare e i pirati”, “Marx. Rottura verso l’uomo” e ha studiato i testi, partendo da annotazioni autografe su alcuni libri della sua biblioteca personale, donata dallo scrittore alla Biblioteca Civica di Varese. Guido Morselli (Bologna 1912-Varese 1973) ha ancora molto da raccontarci. Curioso sapere che Morselli aveva avuto uno scambio epistolare con Vittorio Gassman da lui scelto e idealmente chiamato a interpretare il ruolo difficile nella sceneggiatura, dall’iniziale titolo Marx, l’uomo demistificato, Marx: rottura verso l’uomo. In questa commedia, spedita il 26 aprile 1968 a Tino Buazzelli della Rai, Vittorio Gassman era stato scelto ipoteticamente da Guido Morselli per vestire i panni della figura altissima, umanizzata e smitizzata di Karl (Carlo nella pièce) Marx”.

“Quest’anno, l’edizione 2018 del Premio Letterario Guido Morselli vedrà per la seconda volta la partecipazione della STCV- Compagnia Teatrale Anna Bonomi. La Compagnia, da sempre attenta e partecipe agli eventi varesini più significativi e alle iniziative culturali e letterarie, grazie alle linee guida tracciate dalla sua fondatrice Anna Bonomi, ha accolto con piacere l’invito a questo importante appuntamento, fuori dal circuito del comune di Varese” spiega Roberta Colombo, direttrice di STCV Anna Bonomi: “Gli attori della nostra compagnia daranno vita alla pièce teatrale inedita di Guido Morselli “Rottura verso l’uomo”, opera incentrata sulla vita privata di Karl Marx che non è mai stata rappresentata in un teatro e vedrà la luce proprio il 14 Aprile al Teatro del Popolo. Cimentarsi in un’opera mai rappresentata e che tratta tematiche filosofico/politiche è sicuramente una sfida, sia per gli attori sia per il pubblico, poco abituato ultimamente a simili tematiche e dialoghi. Ma è un’occasione unica per rispondere alla domanda che si faceva Morselli: l’opera è teatrabile o non è teatrabile?

Interessante dal punto di vista attoriale è stato anche studiare il personaggio di Karl Marx e il suo rapporto segreto con la governante Heléne e gli amici più fidati, come Engels. Ne è emerso un sottotesto molto intrigante e utile per entrare nella psicologia dei personaggi”.

 

Per info: www.compagniateatraleannabonomi.it, www.guidomorselli.org, pagina Facebook: Premio Morselli, 3472746558, 3280064078

Copyright @2018