Le modalità di distribuzione verranno scelte dai sindaci
Mascherine e liquido igienizzante per i cittadini della Provincia di Varese

Da lunedì 27 aprile il settore Protezione Civile provinciale consegnerà 284.000 mascherine chirurgiche arrivate dalla Regione ai comuni, che potranno anche ritirare la Polichina

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

È disponibile una nuova fornitura di mascherine per i cittadini della Provincia: da lunedì 27 aprile il settore Protezione Civile provinciale consegnerà ai comuni, in quantitativi differenziati in base al numero di abitanti, 284.000 mascherine chirurgiche arrivate dalla Regione – si tratta della terza tranche che si aggiunge alle due già consegnate per un totale di circa 500.000 dispositivi – e 49.500 mascherine donate dall’azienda cinese Nanjing TICA Climate solutions Co., insieme a Exergy International, azienda italiana parte del gruppo cinese con sede ad Olgiate Olona.

Nella stessa giornata, nella sede operativa della Protezione Civile di Malnate, i comuni potranno ritirare anche la Polichina, il liquido igienizzante per le mani realizzato presso i  laboratori  del  Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica “Giulio Natta” del Politecnico di Milano, secondo le indicazioni dell’ OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità).

“La Polichina (Poli sta per Politecnico, china è il diminutivo del disinfettante originale Amuchina) è un Dispositivo di Protezione Individuale a tutti gli effetti, come i guanti, le mascherine, i calzari – afferma Alberto Barcaro, consigliere delegato alla Protezione civile -.  Anche i prezzi di questo DPI, nelle ultime settimane, hanno subìto una crescita vertiginosa; ma, grazie al Politecnico che ne ha donato un quantitativo consistente alla Provincia di Varese, i comuni potranno averlo gratuitamente, in quantitativi che vanno da un massimo di 55 litri per i comuni più grandi, a un minimo di 3 litri per i comuni più piccoli”.

“Sono convinto che anche la Polichina possa rappresentare un concreto e tangibile contributo nella lotta comune al virus, ma il progetto ha bisogno del sostegno di tutti, soprattutto per contribuire all’acquisto delle materie prime. A tal fine, indico a chi desidera fornire un contributo volontario, piccolo o grande che sia,  il seguente indirizzo: https://sostieni.polimi.it/it/dona-ora” aggiunge Barcaro.

Saranno i sindaci a stabilire con quali modalità distribuire le mascherine alla cittadinanza, come già avvenuto per le due forniture regionali dei giorni scorsi. A discrezione dei sindaci anche la definizione dei luoghi in cui saranno posizionati gli eventuali  dispenser per la distribuzione del liquido disinfettante.

“Un ringraziamento alla Regione Lombardia, al presidente Fontana per il lavoro svolto, ma anche all’assessore Foroni che anche in queste settimane è sempre  stato  vicino  al territorio, come dimostra anche la sua visita all’area cargo di Malpensa di qualche giorno fa – conclude il consigliere -. Colgo l’occasione per ringraziare i volontari di Protezione civile che da qualche giorno sono impegnati in un ulteriore servizio,  organizzato di concerto con la Prefettura e l’ASST Valle Olona: la rilevazione della temperatura ai cittadini che entrano nei presidi ospedalieri di Busto, Gallarate, Saronno  e Somma Lombardo. Il servizio, molto prezioso per arginare il contagio, si svolge tutti i giorni, grazie a una decina di  volontari, presenti con il consueto spirito di collaborazione a tutti gli ingressi degli ospedali”.

Copyright @2020