UNDER 20
Matteo Gabbia, un fagnanese in nazionale

Dalla prima maglia nel Fagnano a quelle azzurre delle Nazionali Under 15 e Under 20, passando per i colori rossoneri delle giovanili del Milan e ora della Lucchese in Lega Pro

Ottavio Tognola

FAGNANO OLONA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Dalla prima maglia targata Fagnano Calcio a quelle delle Nazionali Giovanili (dall’Under 15 all’attuale Under 20) passando per il settore giovanile del Milan e al suo primo campionato professionistico nella Lucchese in Lega Pro. Mattia Gabbia, fagnanese doc classe 1999, sta confermando di avere tutti i requisiti per raggiungere calcisticamente ottimi risultati nel prosieguo della sua giovane carriera, già ricca di encomi.

Encomi da parte di allenatori che lo hanno formato soprattutto nel Milan, da Bertuzzo passando per Monguzzi, Nava e non ultimo Alessandro Lupi, tecnico della Primavera milanista che ne ha sottolineato la determinazione, la spiccata professionalità sopra la media per un giovane, la voglia di arrivare che lo catalogano come un difensore dall’ottima fisicità , diligente tatticamente con buone doti tecniche.

Nato a Busto Arsizio e residente a Fagnano Olona, ci teneva particolarmente a ben figurare in maglia azzurra allo Speroni (da lui già calcato lo scorso 25 novembre in campionato con la Lucchese, dove milita in prestito dal Milan) incontrando la Repubblica Ceca.
L’Italia Under 20 è uscita sconfitta per 1-0, giocando però, soprattutto nel secondo tempo, un buon calcio e con Gabbia capitano.

“Ci tenevamo a vincere per i tanti sportivi che erano presenti – rimarca -. Peccato per il modo in cui è stato realizzato il goal avversario. C’è un forte rammarico per non aver concretizzato le occasioni avute di fronte a una difesa arcigna come quella della Repubblica Ceca”.

Nazionale under 20 con buone credenrziali: “Sicuramente dovremo sempre più crescere a livello di gruppo con un proficuo lavoro assieme al nostro CT Paolo Nicolato, e sono certo otterremo buoni risultati”.

Capitolo Lucchese, sabato avversaria della Pro Patria in un periodo di crisi profonda da parte della società Toscana: “Non ci sarò ma confido in una grande partita da parte dei miei compagni per cercare di ottenere punti salvezza, sorretti da un pubblico che ci è vicino e crede nella nostra professiojnalità fino in fondo. Incontriamo la Pro Patria, formazione quadrata, vera rivelazione del campionato che già mi impressionò favorevolmente all’andata. Sono certo ci sarà da lottare perché anche lei vorrà vincere in chiave punti play off”.

Legato al Milan, temprato e uscito fortificato dall’esperienza Lucchese, ritornare in rossonero è la sua aspirazione dopo aver giè sperimentato la panchina della prima squadra. Un augurio e una speranza per un fagnanese di arrivare in Serie A come i suoi concittadini Pippo Taglioretti e Riccardo Colombo.

Copyright @2019