Consegna delle Borse di studio agli studenti della LIUC-Università Cattaneo
“Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme un progresso, lavorare insieme un successo”

In un’Italia “sulla difensiva” c’è urgente bisogno di una “mobilitazione generale”, ha detto il rettore Federico Visconti in occasione della consegna di nove Borse di studio

Luciano Landoni

CASTELLANZA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

In un’Italia “sulla difensiva” c’è urgente bisogno di una “mobilitazione generale”, ha detto il rettore della LIUC-Università Cattaneo Federico Visconti in occasione della consegna di 9 Borse di studio ad altrettanti giovani studenti dell’ateneo.

Una “mobilitazione generale” fra i diversi attori dello sviluppo (aziende, sindacati, centri di formazione, giovani, associazioni) così da poter costruire insieme un futuro concreto e migliore, anziché limitarsi irresponsabilmente a distruggere il presente, magari con la scusa del “cambiamento”.

La consegna delle Borse di studio – volute e finanziate da industrie (Foderami Dragoni Spa, Grassi 1925), centri di consulenza (Studio BSC & Partners), associazioni (Rotary Club Malpensa, Amici della LIUC), sindacato (Filtec-Cgil e Cgil Varese) – è stata l’occasione, come ha sottolineato ripetutamente Federico Visconti, per dare significato e sostanza ad una celebre affermazione di Henry Ford secondo cui “Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme un successo”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’intervento di Luca Capodiferro, presidente dell’Associazione Amici della LIUC, che ha precisato, rivolgendosi direttamente ai giovani studenti e alle giovani studentesse che hanno meritato le borse di studio, quanto sia importante “costruire reti di relazioni” attraverso cui mettere in comune esperienze, competenze e conoscenze e mediante le quali apprendere e praticare il “concetto della restituzione”.

“Voi, oggi, avete ricevuto – ha detto Capodiferro – mi auguro che domani possiate e vogliate restituire qualcosa, magari entrando a far parte dell’Associazione Amici della LIUC. Mantenere viva la memoria del proprio percorso di studio e formazione è importante. Siete voi i migliori ‘testimoni’ di questa Università”.

Pasquale Mappa ha ricevuto una Borsa di studio del valore di 6.000 euro su fondi del Rotary Club Malpensa.

Massimo Riva si è meritato la Borsa di studio di 5.500 euro in memoria di Angelo Girola.

Vittoria Russo e Claudio Magaddino hanno avuto due Borse di studio del valore di 2.800 euro ciascuna dall’Associazione Amici della LIUC.

Ilaria Erba, Borsa di studio di 2.800 euro in memoria di Aldo Ferrazzi.

Giuseppe Di Rienzo, Borsa di studio di 2.500 euro su fondi dello studio BSC & Partners.

Nicoletta Galfo, Borsa di studio di 2.500 euro dall’azienda Foderia Dragoni Spa.

Roberta Migliardi, Borsa di studio di 2.500 euro offerta dalla Grassi 1925 Spa in memoria del fondatore Alfredo Grassi.

Melissa Lobosco, Borsa di studio di 2.800 euro in memoria del delegato sindacale Cgil Giuseppe Demma (Enoplastic), consegnata dal figlio Maurizio Demma a nome della Filctem Cgil e della Cgil Varese.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA