Ricetta a burocrazia zero (o quasi)
Modifiche ai regolamenti Imu, Tari e Tosap. La Lega rivendica il lavoro fatto

La Lega di Busto Arsizio rivendica il lavoro svolto e l'impegno profuso in questi giorni per proporre le modifiche ai regolamenti comunali di Imu, Tari e Tosap. Proposte, condivise in una riunione di maggioranza di venerdì sera, che seguono il solco tracciato dalla manovra economica votata nelle scorse settimane dal consiglio comunale

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Date a Cesare quel che è di Cesare. La Lega di Busto Arsizio, in una videoconferenza alla presenza del segretario Francesco Speroni, degli assessori Manuela Maffioli e Max Rogora, del capogruppo Ivo Azzimonti e della consigliera comunale e presidente della Commissione Bilancio, Paola Reguzzoni, rivendica il lavoro svolto e l’impegno profuso in questi giorni per proporre le modifiche ai regolamenti comunali di Imu, Tari e Tosap. Proposte, condivise in una riunione di maggioranza di venerdì sera, che seguono il solco tracciato dalla manovra economica votata nelle scorse settimane dal consiglio comunale. Una ricetta a “burocrazia zero” che va ulteriormente nella direzione di aiutare e favorire, dopo i mesi di lockdown, attività, commercianti e pubblici esercizi della città.

Date a Cesare quel che è di Cesare bis. “In questo caso c’è stato un lavoro importante di Paola Reguzzoni – certifica il capogruppo consiliare, Ivo Azzimonti – ma in generale la Lega ha dimostrato di saper raccogliere e ascoltare le istanze di chi ha subito più pesantemente questa pandemia”.

La sintesi dei provvedimenti.

Il provvedimento più imminente nei tempi (verrà portato in giunta lunedì) è quello relativo all’Imu. Verrà infatti introdotta, per tutti i cittadini, la possibilità di pagare la prima rata, in scadenza il 16 giugno, entro il 30 settembre senza alcun aggravio di interessi, sanzioni o more.

Date a Cesare quel che è di Cesare ter. “La delibera Imu che approverà la Giunta lunedì (come annunciato in un comunicato stampa separato dal sindaco Antonelli e dall’assessore al Bilancio Magugliani, ndr) – ribatte Reguzzoni – è stata protocollata da me, dieci giorni fa, come gruppo Lega. A me non interessa la comunicazione social, prima lavoro poi ne parlo”.

Per quanto concerne la Tari, “le attività economiche che, per natura o quantità, producono rifiuti non assimilabili agli urbani e che dimostrano uno smaltimento autonomo dei rifiuti prodotti vedranno la riduzione del 50% della tassa”. Anche le attività stagionali (qui il riferimento è in particolare alle piscine), stando alle proposte di modifica, pagherebbero la Tari proporzionalmente al periodo (mesi) di apertura. “Anche la Tari sulle aree esterne di tavolini e bar – aggiunge Reguzzoni – deve essere compensata con gli spazi interni che non vengono utilizzati e calcolata in base al numero dei coperti e non sui metri quadri occupati”. Infine (ed è qui che si innesta una prima semplificazione) è prevista anche l’attivazione automatica della pratica ad ogni cambio o richiesta di residenza.

Per la Tosap, la tassa sull’occupazione delle aree pubbliche, le modifiche tratteggiate dalla Lega prevedono l’immediatezza dell’autorizzazione “semplicemente con la comunicazione”, mentre tutti i controlli verranno effettuati ex post, ad esclusione delle occupazioni che vanno a modificare la viabilità cittadina, per le quali servirà l’autorizzazione preventiva della Polizia Locale. Inoltre, “esenzione delle insegne dal pagamento della tassa, eliminazione di tutti vincoli e di tutte le restrizioni oggi presenti per quanto concerne altezza e tipologia di fioriere, ombrelloni e paraventi, esenzione dal pagamento della Tosap per portabiciclette, posaceneri e tutto ciò che è inferiore ad un metro e mezzo di altezza”. Infine, l’area tassabile sarà solo quella realmente occupata.

Copyright @2020