Premiati gli studenti più bravi alla scuola “Leonardo Da Vinci”
“Il motore di tutto, a scuola come nella vita, è la passione”

Premiare il merito e sottolineare quanto sia importante (e gratificante) impegnarsi con passione, costanza e determinazione nel raggiungimento dei propri obiettivi di studio.

Luciano Landoni

CASTELLANZA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Premiare il merito e sottolineare quanto sia importante (e gratificante) impegnarsi con passione, costanza e determinazione nel raggiungimento dei propri obiettivi di studio.

E’ questo, in estrema sintesi, il significato della giornata di festa che si è svolta nell’aula magna della scuola secondaria di primo grado “Leonardo da Vinci” di Castellanza.

Gli studenti e le studentesse residenti a Castellanza e provenienti da fuori che l’anno scorso hanno superato gli esami di III Media, meritandosi votazioni eccellenti (dal 9 al 10 e al 10 e lode), hanno ricevuto dei premi.

In particolare, i giovani studenti castellanzesi si sono meritati individualmente una borsa di studio del valore di 100 Euro (9 come votazione finale) e 200 Euro (10 e 10 e lode come votazione finale).

“Questa è  la migliore dimostrazione – ha detto il dirigente scolastico Giuseppe Rizzo –  di come l’impegno paghi e permetta di ottenere grandi soddisfazioni personali, ma anche di realizzare i propri sogni e contribuire alla costruzione di un futuro migliore per tutti”.

“Crescere significa camminare sulle proprie gambe e aiutare gli altri. Ci vuole metodo e applicazione – ha aggiunto Rosangela Olgiati, consigliera delegata all’istruzione del Comune di Castellanza – per superare i traguardi, soprattutto quelli più ambiziosi, acquisendo così la capacità di individuare gli obiettivi realmente importanti”.

“Il motore di tutto, a scuola come nella vita, è la passione, quindi vi auguro di non perderla mai e di trovare sempre in ogni ambito, a cominciare per ora dallo studio, qualcosa che vi piaccia veramente – le ha fatto eco il sindaco della città Mirella Cerini –. Tutti noi adulti, amministratori e docenti, dobbiamo impegnarci all’unisono per darvi i migliori strumenti per creare il domani”.

Sono stati premiati Beatrice Ciceri, Diego Colombo, Riccardo Colombo, Antonio Fiamingo, Ludovica Forloni, Edoardo Maria Grimoldi, Andrea Nesti, Giorgia Francesca Perota, Clara Saracino, Gabriele Scazzosi e Giulia Spanò (con il 9); Letizia Bonzini, Giulia Della Torre, Anna Ferrario, Ludovica Galuppi, Giulia Tosi e Laura Venturin (con il 10); Federico Foà e Luca Rimoldi (con il 10 e lode).

Vale la pena precisare che i giovani premiati non sono stati tutti studenti della “Leonardo Da Vinci”, alcuni fra loro provengono sia da altri Istituti scolastici di Castellanza sia da Istituti di altri Comuni del territorio.

La cerimonia ha visto anche la consegna del Premio giornalistico dedicato alla memoria di Alberto Moroni: il vincitore è stato  Federico Foà, mentre a Giulia Tosi è andata una speciale menzione di merito attribuita dalla giuria.

«I partecipanti erano chiamati a riflettere sul tema del miglioramento cittadino e a scegliere il modo migliore per ottenerlo tra sogno e impegno – ha detto Paolo Moroni, fratello di Alberto – .Tutti hanno scelto l’impegno e con i loro scritti ci hanno dimostrato che non desiderano una città più ricca dal punto di vista materiale, ma una realtà in cui si viva meglio. I loro lavori fanno respirare, nel senso più ampio del termine».

Da notare che il giovanissimo Federico Foà oltre ad aver fatto il bis di premi (10 e lode + Premio giornalistico) è stato anche capitano della squadra di robotica creativa (composta da 6 studenti della “Leonardo Da Vinci”) che ha conquistato la vittoria assoluta alla competizione italiana  Robocup Junior, svoltasi lo scorso mese di aprile a San Giovanni Valdarno in provincia di Arezzo, e che ha successivamente partecipato alla finale del campionato mondiale Robocup svoltasi a luglio in Australia.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA