DOPO LA SENTENZA SI RIPARTE
“È necessario lavorare insieme per il futuro dell’area”

A commentare la sentenza del TAR che ha bocciato il piano di lottizzazione Chemisol sono gli esponenti del centro destra di Olgiate e Castellanza, che sottolineano come l’unico modo per garantire un futuro all’area dell’ex polo chimico sia quello di sedersi ad un tavolo con tutti gli attori coinvolti per concordare una strategia Comune

Loretta Girola

olgiate olona

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

A commentare la sentenza del TAR che ha bocciato il piano di lottizzazione Chemisol sono gli esponenti del centro destra di Olgiate e Castellanza, che sottolineano come l’unico modo per garantire un futuro all’area dell’ex polo chimico sia quello di sedersi ad un tavolo con tutti gli attori coinvolti per concordare una strategia Comune. “Uno dei motivi per cui abbiamo lasciato la maggioranza – spiega Alda Acanfora, candidata di Olgiate Insieme – è proprio l’atto, che sin dall’inizio abbiamo considerato illegittimo, che è stato votato in consiglio comunale e che oggi è stato bocciato dal TAR perché non è stata presentata la procedura di V.I.A. in Regione. Da parte nostra avevamo più di una volta comunicato le nostre perplessità in proposito alla maggioranza, ma il gruppo ha deciso di andare avanti per la sua strada, e non abbiamo avuto altra scelta che andarcene”.

“Riteniamo che ci sia poca chiarezza e poca logica nel modo in cui è stata trattata questa situazione” prosegue Alessandro Re, che leggendo le trascrizioni dei consigli comunali degli scorsi anni illustra come “Paolo Maccabei, ancora tra i banchi dell’opposizione, contrario a quanto portato in consiglio, invitava i consiglieri di maggioranza e non “scolpire il proprio nome su questo piano”, salvo poi ripresentarlo, con poche modifiche non sostanziali, tra cui i 290 mila euro per i lavori in Villa, una volta entrato in maggioranza”. Ma quali sono i piani dei due gruppi di centro destra per il futuro dell’area? “Riteniamo che si debba dialogare con tutti gli attori coinvolti – dichiara Chiara Ferioli – per stilare un piano che risponda a tutti i requisiti imposti dalla normativa e che abbia a cuore il bene dei cittadini di entrambi i comuni. Ad Olgiate, poi, per legge si deve rifare il PGT, e questa potrebbe essere anche l’occasione per sedersi ad un tavolo e pensare concretamente al futuro dell’area”.

“Siamo lieti di sostenere l’azione della lista Olgiate Insieme – commenta Roberto Zaffaroni del gruppo di Forza Italia di Castellanza – che concorda con noi sulla necessità di ribadire che occorre soprattutto dare un futuro congiunto al sito del Polo chimico”.

Guarda al futuro anche il leghista Angelo Soragni: “Credo che le scelte dei nuovi amministratori su quest’area siano di fondamentale importanza per il futuro di tutti i cittadini, ma in particolar modo per i nostri bambini; tali indirizzi devono essere affrontati all’unisono da entrambe le amministrazioni Castellanza e Olgiate Olona, e da tutte le comunità della Valle. A mio parere spero di vedere nei prossimi anni in questa area tantissimo verde, con piante e giardini fioriti, e l’insediamento di servizi di interesse sovracomunale dedicati a tutta la cittadinanza; mi piacerebbe vedere una cittadella della salute con servizi alla persona e credo che unendo le forze delle due comunità si potrebbe raggiungere più facilmente la realizzazione del progetto”.

Copyright @2019