DENUNCIATO DIPENDENTE “IN NERO” DI UN PARCHEGGIO
Non si ferma al posto di blocco mentre guida l’auto di una cliente

La donna, che si trova in vacanza all’estero, aveva lasciato il veicolo in un’area vicino all’aeroporto di Malpensa

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

I Carabinieri della Compagnia di Busto Arsizio hanno denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e guida sotto effetto di sostanze stupefacenti un 45enne di Somma Lombardo, pregiudicato per reati connessi alla droga.

L’uomo, alla guida di una Fiat Panda, durante un normale controllo nell’ambito dell’intensificazione dei controlli da parte dei Carabinieri nell’area adiacente all’aeroporto di Malpensa, non ottemperava al segnale “alt” intimatogli dai militari durante un posto di “blocco”, dandosi alla fuga. È stato raggiunto, però, dopo un breve inseguimento che non ha procurato danni a persone o mezzi.

L’uomo è stato successivamente sottoposto ad accertamento con l’etilometro, risultando negativo al test. Lo stesso, però, si è rifiutato di sottoporsi ad accertamento sanitario per la verifica della guida sotto effetto di sostanze stupefacenti, venendo per questo deferito per tale reato (la norma in vigore infatti prevede che in caso di rifiuto si risponda del massimo della sanzione prevista).

I Carabinieri a questo punto hanno deciso, come previsto, di sottoporre il veicolo a sequestro; durante tali accertamenti si sono accorti che la vettura risultava intestata ad una donna residente in un’altra provincia d’Italia. L’uomo non era in grado di spiegare i suoi rapporti con la donna, differente per età e provenienza.

Gli approfondimenti svolti, anche contattando la proprietaria del veicolo, hanno consentito di accertare che la donna si trova in vacanza, all’estero, e che aveva lasciato la propria vettura in custodia ad uno dei parcheggi che “servono” l’Aeroporto di Malpensa.

Si è scoperto quindi che l’uomo fermato lavora “in nero” presso una delle società di gestione di uno dei tanti parcheggi nell’area dell’aeroporto, aspetto per cui sta procedendo il Nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro di Varese.

La vittima del reato ha assicurato che al rientro dalla vacanze provvederà immediatamente a sporgere denuncia nei confronti dei titolari dell’azienda che gestisce il parcheggio a cui aveva affidato la propria vettura.

Copyright @2019