OLGIATE E CASTELLANZA SI CONFRONTANO
“Non si può più pensare solo al ‘proprio orticello’”

Sedersi allo stesso tavolo per decidere il futuro delle aree di frangia dei diversi Comuni: è questo, in sintesi, quello che hanno fatto le Amministrazioni di Castellanza e di Olgiate che negli scorsi giorni si sono incontrate per confrontare le idee riguardo la Variante del PGT

Loretta Girola

CASTELLANZA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Sedersi allo stesso tavolo per decidere il futuro delle aree di frangia dei diversi Comuni. È questo, in sintesi, quello che hanno fatto le Amministrazioni di Castellanza e di Olgiate che negli scorsi giorni si sono incontrate per confrontare le idee riguardo la Variante del PGT.

Condividere, quindi, le idee della variante di PGT aprendo il dialogo con i Comuni contermini e andando oltre le singole realtà, per discutere il destino delle aree comuni come ad esempio la zona del Buon Gesù e il futuro del Polo Chimico, senza dimenticare la ricerca di soluzioni per la viabilità su alcuni degli assi più importanti del territorio che attraversano sia Olgiate che Castellanza, tra cui l’incrocio del Buon Gesù e il Sempione.
È questo il senso dell’incontro avvenuto nei giorni scorsi in Comune tra il Sindaco di Castellanza Mirella Cerini, coadiuvata dal Responsabile del Settore Governo del Territorio Antonella Pisoni, e l’Assessore al Territorio del Comune di Olgiate Olona Paolo Maccabei, accompagnato dal Responsabile del Settore Gestione del Territorio Marco Cerana.

“La proposta di Variante al Documento di Piano del PGT – spiegano da Palazzo Brambilla – è uno strumento che delinea il programma a lungo termine della riorganizzazione urbana, individuando anche le priorità sulle quali concentrare nel breve termine le risorse amministrative e gestionali, prendendo in esame le risorse territoriali e i residui margini di trasformazione, nonché i temi che possono essere affrontati e sviluppati alla scala comunale, anche attraverso un confronto con i comuni contermini.
Il percorso successivo all’avvio del procedimento a Castellanza ha previsto diversi passaggi tra cui tre incontri aperti al pubblico sulle tematiche della Valle Olona, della Saronnese, del Buon Gesù, del Polo Chimico e della ferrovia, tutti temi cardine.
In seguito alla messa a disposizione delle bozze del Documento di Piano, del Rapporto Ambientale e della Sintesi non Tecnica, lo scorso 2 settembre, si apriranno le consultazioni delle parti sociali con un incontro il prossimo 17 ottobre. Il procedimento di Valutazione Ambientale Strategica continuerà con la seconda conferenza di valutazione il 12 novembre, con la partecipazione dei soggetti competenti in materia ambientale, degli enti territorialmente interessati e dei settori del pubblico”.

“Siamo convinti che oggi non si possa più pensare che ogni Comune si faccia il suo PGT ignorando le realtà vicine – spiega il Sindaco Cerini – viviamo in un territorio dove i confini geografici ormai esistono solo sulla carta, ma nella realtà tra un comune e l’altro non vi è alcuna soluzione di continuità, situazione che in gergo tecnico si definisce conurbazione. Il dialogo e il confronto diventano, pertanto, inevitabili per uscire dalla logica del coltivare il “proprio orticello” senza pensare a tutto quello che sta intorno”.
“Quello di oggi è stato un incontro molto importante tra le due Amministrazioni – prosegue l’Assessore Maccabeicontinua il confronto su tante tematiche che riguardano il territorio di Castellanza e di Olgiate Olona. Una strada che porta una collaborazione continua tra i due comuni. Un percorso collaborativo già iniziato e che deve proseguire in sinergia affrontando insieme tematiche urbanistiche che riguardano entrambi i territori. Oggi questa è la strada da percorrere.”

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA