IL COMUNE RASSICURA
“Nessun allarme, non si tratta di processionaria”

Dopo diverse segnalazioni, l’Amministrazione comunale di Castellanza ha voluto rassicurare i cittadini sull’effettiva natura delle infestazioni che hanno colpito alcune piante. Si tratta di un lepidottero che non causa pericoli all’uomo ed agli animali

Hyphantria Cunea

Loretta Girola

castellanza

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Dopo diverse segnalazioni, l’Amministrazione comunale di Castellanza ha voluto rassicurare i cittadini sull’effettiva natura delle infestazioni che da qualche giorno sono state avvistate su diversi alberi all’interno del territorio. In seguito ad alcune segnalazioni di cittadini preoccupati che all’interno di Castellanza si stesse sviluppando un’infestazione di processionaria del pino, insetto ricoperto da peli urticanti che possono causare irritazione sugli uomini e essere, in alcuni casi, anche letale per gli animali da affezione, in particolare per i cani, sono state fatte le opportune verifiche e si è scoperto che ciò che è stato avvistato è in realtà un insetto non pericoloso né per gli uomini né per gli animali.

“In questi giorni è stata segnalata su diverse piante a Castellanza la presenza di un lepidottero defogliatore, un insetto che si nutre di foglie e parti verdi delle piante – spiega una nota del Comune – a prima vista la larva, che vive in gruppo ed è molto pelosa, può essere scambiata per una larva di processionaria della quercia o addirittura di processionaria del pino. In realtà non è così, si tratta di un lepidottero di origine nord-americana, l’Hyphantria Cunea, che da ormai quarant’anni si è insediato anche in Italia. A differenza della processionaria, questo insetto non è assolutamente pericoloso né per l’uomo né per gli animali: non è infatti dotato di peli urticanti e quindi non può causare alcun danno.

I forti attacchi di Hyphantria che sono stati registrati nell’ultimo periodo sono probabilmente da ricondurre agli inverni caldi che hanno caratterizzato gli ultimi anni. Non è perciò necessario nessun intervento specifico di lotta contro questo lepidottero, in considerazione anche del fatto che gli attacchi segnalati non sono massicci e non provocano la totale defogliazione della pianta”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA