Provvedimenti viabilistici validi dal 14 giugno
Nuova fase di lavori, chiude piazza Vittorio Emanuele II

Per consentire la nuova fase dei lavori di riqualificazione di piazza Vittorio Emanuele II sono stati istituiti provvedimenti viabilistici, validi per tutti i veicoli, per un periodo di trenta giorni lavorativi

GIOGARA

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Per consentire la nuova fase dei lavori di riqualificazione di piazza Vittorio Emanuele II, che consistono nel rifacimento della pavimentazione stradale di via Mons. Borroni e della piazza stessa, sono stati istituiti alcuni provvedimenti viabilistici, validi per tutti i veicoli, da domani (14 giugno) e per un periodo di trenta giorni lavorativi.

Si tratta in particolare di: divieto di transito e sosta con rimozione forzata in P.zza Vittorio Emanuele (lato est della piazza); divieto di transito in via Borroni, con esclusione dei veicoli diretti al parcheggio pubblico; divieto di transito in via A. Pozzi, in via Carducci, in via Don Minzoni e in via Bossi (tratto da via Rosmini a via A. Pozzi), con esclusione dei veicoli dei residenti e del traffico locale; inversione del senso di marcia in via Carducci, tratto da via Bossi a via Don Minzoni con transitabilità consentita verso via Don Minzoni; senso unico alternato in via Bossi tratto da via Carducci a via A. Pozzi con obbligo ai veicoli provenienti da via Bossi e diretti verso via Pozzi di dare la precedenza ai veicoli provenienti in senso opposto; doppio senso di circolazione e il divieto di sosta 0-24 in via A. Pozzi, tratto da via Bossi a P.zza Vittorio Emanuele II con l’obbligo di fermarsi e dare precedenza in via A. Pozzi all’intersezione con via Bossi.

In loco sarà posizionata la segnaletica che indicherà le nuove prescrizioni.

Come afferma l’assessore al marketing territoriale Paola Magugliani si tratta di “un’operazione prevista che ci permetterà finalmente di riavere la piazza nelle condizioni ottimali perché diventi un salotto elegante per ospitare gli eventi: ci saranno fontane, nuove panchine, delle piante e un palco per le manifestazioni. Ancora un po’ di pazienza e poi la città potrà finalmente avere una nuova piazza dove passeggiare e ritrovarsi”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA