AMBIENTE
Nuove piante nelle scuole e in città, Busto celebra la Giornata nazionale degli Alberi

L’iniziativa si è tenuta nei giardini e nei cortili delle scuole della città che hanno aderito alla Giornata (Beata Giuliana, Marco Polo, Pertini, Parini, Galilei, Tommaseo, Pascoli, De Amicis, Manzoni, Bossi). Il sindaco: “Verde pubblico da tutelare e ampliare per il bene delle generazioni future”

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Giovedì 21 novembre si è celebrata la Giornata nazionale degli Alberi: il sindaco Emanuele Antonelli ha partecipato alla festa organizzata dalla scuola Tommaseo per la piantumazione di due nuovi aceri, mentre l’assessore al Verde Laura Rogora, accompagnata dal consigliere comunale Orazio Tallarida, ha partecipato alla piantumazione di una farnia e un noce nel giardinetto tra via Lualdi e via Einaudi, promossa dai Verdi Ecologisti; poi ha preso parte alla cerimonia che la scuola Manzoni ha organizzato per dare il benvenuto a due peri da fiore piantati da Agesp nello spazio antistante l’ingresso dell’istituto.

Prendendo spunto dal messaggio lanciato dagli alunni, (“Non si è mai troppo piccoli per fare la differenza”), l’assessore ha invitato i bambini a rispettare l’ambiente sempre, ogni giorno: “Immaginate dei piccoli fiocchi di neve che da soli non sono nulla: insieme possono diventare una valanga, un movimento che può cambiare le cose, voi, tutti insieme, potete davvero fare la differenza”.

L’assessore ha anche donato alle scuole Parini delle sementi di varie essenze, come segno di attenzione dell’Amministrazione al futuro delle nuove generazioni che negli anni si siederanno tra i banchi della scuola, rispettando il “contratto green” siglato l’anno scorso.

L’iniziativa si è ripetuta nei giardini e nei cortili delle scuole della città che hanno aderito e partecipato alla Giornata (Beata Giuliana, Marco Polo, Pertini, Parini, Galilei, Pascoli, De Amicis, Manzoni, Bossi). “Il patrimonio verde di Busto Arsizio – ha sottolineato il sindaco Emanuele Antonelli – è immenso ed è compito di tutti noi, amministratori e cittadini, tutelarlo e ampliarlo per il bene anche delle generazioni future”.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA