Nuovo assetto

Puntano tutti (o quasi) sulla composizione del nuovo Consiglio comunale a Busto Arsizio; dalla Giunta in giù, per delineare il nuovo assetto di potere per questi due anni mancanti per portare a termine la Legislatura

Gianluigi Marcora

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Puntano tutti (o quasi) sulla composizione del nuovo Consiglio comunale a Busto Arsizio; dalla Giunta in giù, per delineare il nuovo assetto di potere per questi due anni mancanti per portare a termine la Legislatura.

Le dimissioni dell’Assessore Miriam Arabini, insieme all’elezione di Isabella Tovaglieri in Europa, hanno procurato uno sconquasso di non poco conto. Figuriamoci poi il cataclisma avvenuto contro Forza Italia, per via della Magistratura, nei confronti di Caianiello e addentellati. Ribadiamolo, Caianiello c’entra poco con Busto Arsizio, ma “per colpa sua” si sono delineate prese di posizione che hanno infranto l’idillio fra Busto Arsizio e il “mullah” di Gallarate che non è di Forza Italia, ma agisce nel nome e per conto di tale ….Partito? Movimento?

Quindi, il vero problema è: come ripartire le cariche per gli Enti collegati al Comune? Agesp per intenderci. Si sa che la signora Gatti (suggerita da Forza Italia) è a fine mandato; non si sa, invece quale strategia vuole assumersi il Comune sia per come sostituirla, sia per le forze politiche da mettere in campo per gestire degnamente l’importante Azienda Pubblica.

Tutto ciò, si ripercuote per la nuova composizione di Giunta, con la Lega che da una parte preme per avere un Assessore in più per via dell’esito delle recenti elezioni e dall’altra per la “paura” di scontrarsi con il “movimento” che appoggia il Sindaco Antonelli sin dai tempi della sua elezione.

Governate, tuttavia, non è facile e la Lega non vuole lo strapotere, ma la maggioranza del ….potere. Come quel famoso detto che recitava “ne ho prese, ma quante gliene ho …dette”.  Come a dire: sotto il vessillo di Emanuele Antonelli, “pesa” il risultato elettorale recente della Lega che ha accumulato tanta fiducia dagli italiani. La Lega da sola, a Busto ha mai governato. Lo facesse ora, correrebbe il rischio di sfaldare il Centro Destra escludendo di fatto Fratelli d’Italia …..apriti cielo!

Quindi, Forza Italia è in netto regresso; vuole mantenere i due Assessori attuali, ma con forte posizione di chi vorrebbe il solo Gigi Farioli in Giunta con estromissione di Chiesa.

Intanto, chi “morde il freno” è Busto Grande che dapprincipio ha aiutato Antonelli a diventare Sindaco a Busto Arsizio, poi s’è relegata all’Opposizione. Ora, si registra la nascita di Lombardia Ideale, formazione che ubbidisce ad Attilio Fontana, Governatore della Lombardia ed esponente di spicco della Lega.

E’ possibile che nel gruppo di Lombardia Ideale entrino oltre a Paolo Efrem, Donatella Fraschini e Alberto Armiraglio (e Paolo Genoni e Roberto Ghidotti che faranno?) – ciò che conta, per Antonelli è come governare e con l’appoggio di chi! Altrimenti avrà buon gioco l’Opposizione che non appare compatta, a richiedere nuove elezioni. Che sarebbero al di là da venire e produrrebbero un danno enorme per la città di Busto Arsizio. Il Commissario Prefettizio è in agguato!

Copyright @2019

DALLE RUBRICHE