AREA EX CALZATURIFICIO BORRI
Oltre duemila firme per il Parco della Genesi

Il Comitato Parco della Genesi ha presentato i risultati in merito alla proposta protocollata in Comune per la realizzazione di un parco verde nell’area dell’ex Calzaturificio Borri. Ora è in attesa di una risposta da parte dell'amministrazione comunale

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

“Avevamo ipotizzato di chiudere la raccolta firme per la Befana, invece abbiamo anticipato Babbo Natale raccogliendo in due mesi ben 2.745 firme”.  Grande soddisfazione per il Comitato Parco della Genesi che, mercoledì sera (18 dicembre) alla Galleria Boragno, ha presentato i risultati raccolti in merito alla proposta protocollata in Comune per la realizzazione di un parco verde nell’area dell’ex Calzaturificio Borri. L’obiettivo, ampiamente centrato, era il raggiungimento di duemila firme: “Avremmo potuto andare avanti e sommergere l’amministrazione con migliaia di altre firme avendo toccato diversi rioni da Sant’Anna a Borsano, da Sant’Edoardo a Madonna Regina, ma ci fermiamo qui”, sottolinea il promotore del Comitato Vitaliano Caimi. La proposta sarà dunque posta all’attenzione del sindaco Emanuele Antonelli, dell’assessore all’Urbanistica Giorgio Mariani e del segretario Domenico D’Apolito.

“Questo progetto non ha niente a che fare con le logiche del bilancio partecipativo, è un’operazione che non si colloca fuori dal vigente quadro istituzionale di Busto Arsizio – precisa Caimi -. Per questo auspichiamo che l’amministrazione tenga in considerazione ed approvi la nostra proposta. Con l’insediamento del supermercato, siamo in presenza di uno stakeholder molto forte che è in una situazione conflittuale con l’amministrazione comunale. Noi rappresentiamo una parte che non ha interessi economici ma solo il desiderio che possa essere realizzato un parco. Il Comune – aggiunge Caimi – non ha presentato un progetto credibile in diciotto anni e quindi noi diciamo basta: non è tollerabile ulteriormente che un’area di quella natura sia utilizzata solo per i parcheggi”.

Il Comitato resta in attesa della risposta formale del sindaco entro trenta giorni o, in alternativa, del vaglio in Giunta o in Consiglio comunale.

Copyright @2019