LE NOTE
Oncologia di Busto, i timori del comitato e le precisazioni dell’ospedale

Il Comitato per il diritto alla salute del Varesotto lancia l’allarme: “Zero posti letto per l’Oncologia di Busto, pazienti costretti a rivolgersi altrove”. Dalla direzione generale dell’Asst Valle Olona arrivano delle precisazioni

Ospedale Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il Comitato per il diritto alla salute del Varesotto lancia l’allarme: “Zero posti letto per l’Oncologia di Busto, pazienti costretti a rivolgersi altrove”. Dalla direzione generale dell’Asst Valle Olona arrivano delle precisazioni

IL COMITATO: LA SALUTE NON È UNO SCHERZO

Il direttore generale dell’ASST Valle Olona gioca brutti scherzi. Ma la salute non è uno scherzo.

Dopo avere annunciato le chiusure di alcuni reparti per il periodo estivo, lasciando intendere che a settembre avrebbero potuto non riaprire, dopo avere fatto qualche passo indietro, garantendone la riapertura a settembre, a seguito delle pressioni della società civile e dei cittadini, il D.G. ci riprova.

I posti letto dell’oncologia di Busto Arsizio sono rideterminati in 0 posti letto. Zero, nessun posto letto. Con i pazienti costretti a rivolgersi altrove, soprattutto in cliniche private.

Chissà se lo stesso brutto scherzo lo subirà la pediatria di Gallarate, che dal 15 settembre dovrebbe ritornare ad avere attivi 12 posti letto.

Ci spiace davvero avere ragione. Ma è orami evidente che con l’ospedale unico, si vuole unicamente ridimensionare la sanità pubblica, a favore di quella privata.

Pagheremo di più, per avere meno cure e servizi.

Gli ubbidienti sindaci dei comuni di Busto Arsizio e Gallarate, come i sindaci dei comuni limitrofi i cui cittadini a quegli ospedali si rivolgono per essere curati, dovrebbero finalmente iniziare ad agire il proprio ruolo di tutori della salute pubblica. E difendere il nostro diritto alla salute.

Pare invece che l’unico interesse sia variare i PGT, in funzione delle possibilità edificatorie (in aree verdi) legate alla costruzione dell’ospedale unico.

Comitato per il diritto alla salute del Varesotto

 

L’OSPEDALE: A BUSTO UN CENTRO DIURNO ONCO-EMATOLOGICO

A seguito di comunicazioni apparse sui media, si precisa che è in corso un prolungamento della chiusura estiva della degenza ordinaria di Oncologia Medica del Presidio Ospedaliero di Busto Arsizio, in quanto si sta valutando una riorganizzazione sui due Presidi Ospedalieri dell’attuale offerta assistenziale in campo Onco-Ematologico, anche nell’ottica del Nuovo Ospedale.

L’Oncologia Medica e l’Ematologia hanno, in questi ultimi anni, modificato radicalmente la loro attività: più del 90% delle procedure in ambito oncologico viene oggi effettuata in regime ambulatoriale e anche una elevata percentuale dell’attività ematologica si svolge in regime ambulatoriale.

In uno scenario socio-sanitario in continua evoluzione, ASST Valle Olona, nel rispetto della sua storica vocazione onco-ematologica, offre e continuerà ad offrire ai cittadini cure nell’ambito Oncologico ed Ematologico, sia in regime di degenza ordinaria che in regime ambulatoriale.

L’eventuale scelta di individuare il Presidio Ospedaliero di Gallarate quale sede unica per l’attività di degenza ordinaria, per la quale verrà ampliato il contingente di posti letto a disposizione (incremento di 7 posti letto di Degenza Ordinaria), è da intendersi passaggio organizzativo fondamentale al fine di continuare a garantire al cittadino i migliori percorsi diagnostico-terapeutici in campo onco-ematologico e permettere al contempo il potenziamento dell’offerta ambulatoriale mediante l’istituzione di un Centro Diurno Onco Ematologico (CDOE) presso il Presidio Ospedaliero di Busto Arsizio.

All’interno di spazi più ampi, il CDOE accoglierà, oltre alle terapie infusionali (di cui si prevede di ampliare l’offerta, dalla fascia oraria 8.00 – 16.40 alla fascia oraria 7.30 – 19.30), nuove attività legate alle terapie nutrizionali e di sostegno agli effetti collaterali da chemioterapie e radioterapia ed al programma aziendale Trapianto Cellule Staminali Emopoietiche, rispondendo alle esigenze di sicurezza ed attenzione alle cure che sempre più sono patrimonio delle attività di Oncologia Medica.

Nel medesimo contesto verranno messe a disposizione postazioni per le associazioni di volontariato e saranno previsti adeguati spazi (sale di attesa, locali di servizio, locali lavoro infermieri) al fine di rispondere alle esigenze dei pazienti, degli accompagnatori e del personale della ASST ivi operante.

La Direzione Generale ASST Valle Olona

Copyright @2019