Era intubato dal 6 marzo
Ospedale di Busto, dimesso dalla Terapia Intensiva il primo paziente colpito da Coronavirus

È un uomo, ha 43 anni. Martedì 17 marzo, ha lasciato la Terapia intensiva dell’Ospedale di Busto Arsizio, dove era ricoverato, per essere trasferito in reparto. È il primo paziente colpito da Covid-19 che lascia la Terapia intensiva nell’ambito dell’ASST Valle Olona

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

È un uomo, ha 43 anni. Oggi, martedì 17 marzo, ha lasciato la Terapia intensiva dell’Ospedale di Busto Arsizio, dove era ricoverato, per essere trasferito in reparto. È il primo paziente Covid-19 che lascia la Terapia intensiva nell’ambito dell’ASST Valle Olona.

L’uomo era stato trasferito il 4 marzo dal Pronto soccorso di Alzano Lombardo alle Malattie Infettive dell’Ospedale di Busto Arsizio, per una polmonite da Coronavirus. Ha sviluppato una grave insufficienza respiratoria, che il 6 marzo ha richiesto l’intubazione e il ricovero in Terapia intensiva. È stato quindi sottoposto a ventilazione meccanica, pronazione e supporto farmacologico del circolo. Dopo la stabilizzazione del quadro clinico, i supporti sono stati progressivamente ridotti fino all’estubazione, avvenuta il 13 marzo. Ha avuto ancora necessità del casco CPAP per le prime 36 ore, ma lo “svezzamento” si è concluso positivamente. Oggi ha lasciato la Rianimazione.

Il Direttore generale dell’ASST Valle Olona, dottor Eugenio Porfido, ricorda che tutti noi, attraverso poche e semplici regole, possiamo fattivamente aiutare tutti gli operatori sanitari che stanno dando il loro massimo impegno nel restituire salute ai malati Covid-19:

-stare in casa

-mantenere la distanza di sicurezza (1 metro, 1 metro e mezzo)

-lavare spesso le mani

-non toccare con le mani occhi, naso, bocca

-areare spesso gli ambienti durante la giornata.

Copyright @2020