“DETERRENTE CONTRO I LICENZIAMENTI”
Ospedali, Adl chiede le progressioni orizzontali

Riceviamo e pubblichiamo la nota del sindacato Adl relativa agli ospedali di Busto Arsizio, Gallarate, Saronno e Somma Lombardo

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Riceviamo e pubblichiamo la nota del sindacato Adl relativa agli ospedali di Busto Arsizio, Gallarate, Saronno e Somma Lombardo

Il sindacato Adl chiede immediatamente le progressioni orizzontali per i lavoratori del comparto. Sono mesi che si continuano a firmare accordi o che sono deleteri per i lavoratori o che servono all’Amministrazione.
Stiamo inoltre assistendo ad un balletto per mezzo del quale i giusti aumenti contrattuali una volta si mettono e una volta si tolgono dagli ordini del giorno delle trattative.

Per alcuni lavoratori sono passati già oltre tre anni dall’ultimo passaggio di fascia e molti dipendenti ci chiedono di non far passare ulteriore tempo.
Ricordiamo che il vecchio Direttore Generale firmò un buon accordo su questo argomento e non vogliamo pensare che il nuovo non voglia fare lo stesso.

Questa sottoscrizione dovrebbe essere anche un deterrente per limitare le dimissioni che in questa Azienda stanno aumentando notevolmente.
Molti dipendenti del comparto preferiscono trasferirsi in altre Aziende Pubbliche, ma anche in Svizzera (facendo molti Chilometri) o addirittura in strutture private (in momenti di crisi quest’ultima soluzione non dovrebbe essere mai scelta a meno che non si è molto insoddisfatti soprattutto dal punto di vista economico).

Facendo quattro conti si può scoprire che un dipendente della nostra ASST con 18 anni di lavoro ha perso oltre 15.000 €, grazie ai mancati passaggi di fascia che in altri ospedali della provincia di Milano, ma anche del Sud vengono fatti puntualmente.

Copyright @2019