Presentazione il 20 gennaio
P.O.W. il nuovo libro di Tito Olivato sulla guerra dell’Africa Orientale e i campi di concentramento inglesi

Dopo anni di ricerca e di lavoro Tito Olivato dà alle stampe un romanzo basato su una storia vera accaduta al padre (Guido Olivato) mentre svolgeva il servizio militare in qualità di sergente a Massaua nell’Africa Orientale Italiana (A.O.I.). La presentazione si terrà da “Boragno” (Bustolibri.com), domenica 20 gennaio alle ore 16.00

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Dopo anni di ricerca e di lavoro Tito Olivato dà alle stampe un romanzo basato su una storia vera accaduta al padre (Guido Olivato) mentre svolgeva il servizio militare in qualità di sergente a Massaua nell’Africa Orientale Italiana (A.O.I.). La presentazione di P. O.W. – Una storia di amicizia e di guerra, di morte e di amore – si terrà da “Boragno” (Bustolibri.com), domenica 20 gennaio alle ore 16.00. Modererà Mariano Sinisi.

La storia ha inizio con la partenza volontaria da parte di Guido a seguito di un forte malinteso accaduto con il fratello Dario. Una volta giunto in Africa, Guido vive la quotidianità in una terra che faceva parte dell’Impero d’Italia fino a quando, il 10 giugno 1940, Mussolini annuncia la dichiarazione di guerra. Da questo momento in poi la vita di Guido e dei venticinquemila militari nell’ Africa Orientale Italiana è contro gli inglesi e l’esistenza diventa dura, drammatica, al limite della sopportazione. Il momento peggiore e più significativo per gli schieramenti è a Cheren, dove migliaia di britannici continuano a bombardare le postazioni degli italiani superstiti che oppongono una strenua e quanto mai sofferta resistenza. Dopo molti scontri, anche corpo a corpo, giunge inesorabile la vittoria delle forze anglo-sudanesi. Guido e gli altri vengono deportati nei campi di concentramento prima in Africa e poi in India. Vivono in condizioni disumane, subiscono violenze, patiscono la fame e contraggono il colera che miete numerose vittime. La ferocia degli inglesi non ha limite e per i nostri tutto sembra ormai irrimediabilmente perduto.

Un romanzo che mette in luce lo sforzo e l’eroismo di molti Italiani nell’A. O. I. in uno degli episodi più drammatici e più dimenticati dai libri scolastici: la battaglia di Cheren e i campi di concentramento inglesi. Il libro contiene un’interessante e preziosa appendice tratta dal diario di guerra del padre, che Tito Olivato ha pubblicato grazie alla trascrizione diplomatica della suocera Anna Maria Bonetti.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA