QUESTIONE GIUNTA
I “panni sporchi” di Busto

Una volta si diceva che "nessuno deve venir qui (Busto Arsizio) a dirci cosa dobbiamo fare" e sembrava un "credo" a cui nessuno avrebbe dovuto derogare e nemmeno ipotizzare. Si diceva pure che "la Politica fa grandi danni e pochissime cose buone"...

Gianluigi Marcora

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Una volta si diceva che “nessuno deve venir qui (Busto Arsizio) a dirci cosa dobbiamo fare” e sembrava un “credo” a cui nessuno avrebbe dovuto derogare e nemmeno ipotizzare. Si diceva pure che “la Politica fa grandi danni e pochissime cose buone“.

Quel che sta accadendo – oggi – a Busto Arsizio, sembra avvalorare quanto s’è scritto sopra. Delle gerenza di Busto si stanno occupando i “forestieri” e la Giunta Antonelli (sempre secondo i “forestieri”) deve essere rivista e “aggiornata”. A proposito, in un mio precedente “contributo” ho lasciato fuori Busto Grande dalla coalizione di Maggioranza. Oggi lo scrivo due volte, così faccio ammenda della dimenticanza. Quindi, a reggere le sorti della coalizione di Maggioranza, sono: Forza Italia, Lega Nord, Busto Grande, Lista Antonelli mentre gli “Indipendenti di Centro” e “Fratelli d’Italia” pur avendo appoggiato il candidato Sindaco, Emanuele Antonelli, non sono entrati in Consiglio comunale.

Puntualizziamo pure che si fa nulla in “cattiva fede”, ma talvolta, in “buona fede” si commettono errori o si fanno delle… dimenticanze.

Torniamo a noi: le voci si espandono per i dissidi interni di Lega Nord e di Forza Italia e che si fa? Si dovrebbe ubbidire a Nino Caianiello e al Commissario della Lega Nord Bustocca, Marco Colombo. E per fare che? Per trovare un “posto al sole” all’ex Sindaco Gigi Farioli e per sostituire l’Assessore Alberto Riva “reo” di avere un “contatto diretto” con l’invisa Paola Reguzzoni a cui è stata addossata la “colpa” di aver fatto in modo che alla carica di presidente del Consiglio comunale di Busto Arsizio andasse il PD, Valerio Mariani al posto del designato Gigi Farioli.

Già, ma (si dice la gente) il Sindaco Antonelli con l’attuale sua Giunta – sinora – ha ben lavorato oppure no?

Il cosiddetto “rimpasto” si fa per il bene della città o è soltanto una mossa politica che punta a “far fuori” (politicamente) un candidato rispetto a un altro? Se Antonelli non funziona, “cacciatelo”, ma se, coi pochi mezzi a disposizione “tenta di governare” allora, che ci stanno a fare i “rimpasti …. programmati?”

Lo si era detto qualche mese fa e lo si è ribadito prima delle ferie. Ora “si fa sul serio“….. chi fa sul serio?

Se i “panni sporchi” si devono lavare, laviamoli, ma non andiamo a prendere lezione da Nino Caianiello (sia detto con rispetto) e da Marco Colombo; i quali delle “vicissitudini” della vita politica Bustocca non possono sapere tutto. Quindi, prima Caianiello “metta a posto” (ne ha facoltà) Forza Italia, poi nell’ambito delle sue potenzialità “consigli” il da farsi in campo locale. Marco Colombo è il Commissario della Lega Nord di Busto. Non gli garba la presenza occulta (per via di Riva) di Paola Reguzzoni. Che aspetta a “farla fuori” politicamente, visto che la Paola Reguzzoni ha già superato l’ostacolo dell’espulsione?

Invece no: a tutti i costi si deve “perdere tempo” con le diatribe interne, le discussioni, poi ci si lamenta che Antonelli (ex Coordinatore del Popolo della Libertà) dedichi troppo tempo a ciò e poco tempo al governo della città.

Ricordiamoci che Busto deve far da sola e si deve lavare da sola i “panni sporchi”. Ciò che arriva da fuori, puzza sempre di convenienza e poco, molto poco di effettiva utilità.

Copyright @2017

DALLE RUBRICHE