ZAGABRIA-BUSTO: 7-7
Pari in Champions, Sport Management contenta a metà

Un punto guadagnato o due punti persi? Il primo pareggio in Champions dei mastini, raggiunti sul 7-7 in Croazia dal Mladost dell'ex Petkovic, alimenta il dibattito

GIOGARA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Un punto guadagnato o due punti persi?
Dalla trasferta in Croazia, nella vasca della corazzata Mladost Zagabria, la Busto Sport Management torna a casa con questo dubbio amletico.
Il 7-7 finale se da un lato testimonia e celebra la prestazione autoritaria disputata in terra croata dai mastini di Baldineti, capaci di ribaltare con personalità e qualità la situazione all’intervallo (4-2), dall’altro non nasconde però l’amarezza ed il rammarico per una vittoria (pesantissima per la classifica) sfuggita di mano proprio sul più bello.

La gara in pillole
Inizia bene la formazione bustocca che passa in vantaggio dopo nemmeno un minuto dal via con l’azzurro Andrea Fondelli che infila lo 0-1. Non dura perché la squadra di casa sfrutta in maniera chirurgica due superiorità per scavalcare i mastini, ma è ancora Fondelli a gonfiare la rete difesa da Marcelic per il gol del 2-2 i con cui si chiude il primo tempo.

L’ex Antonio Petkovic fa 3-2, poi – ancora su uomini dispari – i padroni di casa passano con Milos per il 4-2 del Mladost Zagabria.

Il terzo tempo però è uno show dei bustocchi  che ribaltano la gara prima con il gol, a uomini pari, di Alesiani e poi con Damonte che sfrutta la superiorità per infilare il 4-4. I mastini volano con Bruni che segna sfruttando l’uomo in più, poi è ancora Damonte a firmare il massimo vantaggio dei Mastini che si portano sul 4-6. I padroni di casa però, nello spazio di due azioni, trovano la parità, ma è ancora la squadra di Busto Arsizio a riportarsi al comando delle operazioni con il bel gol di Vincenzo Dolce che dà ai suoi il 6-7.

Il quarto tempo è una vera e propria lotta con Radu che infila il 7-7. Da una parte e dall’altra, complice la stanchezza, si sbagliata tanto, anche con l’uomo in più; poi sull’ultimo assalto della Sport Management è Andrea Fondelli a farsi deviare il tiro del possibile sorpasso decisivo. Finisce così in perfetta parità con il 7-7 che permette alla Bpm Sport Management di salire a quota 10 punti in classifica e a confermarsi così al secondo posto in classifica.

Il post partita
Marco Baldineti: “C’è un po’ di amaro in bocca, ma è normale quando non si ottiene quello che si merita. Abbiamo infatti meritato la vittoria, ma purtroppo siamo caduti in alcuni episodi, in cui loro l’hanno messa sul nervosismo. Abbiamo avuto l’occasione per vincere, purtroppo abbiamo sbagliato tanto: del resto il nostro gioco è molto dispendioso e questi errori ci possono stare. Ad ogni modo sono contento della nostra prova. Per come è andata la partita, forse sono due punti persi, ma a livello di classifica è sicuramente un punto guadagnato. Voglio ringraziare ancora una volta tutta la squadra: i ragazzi hanno dato tutto”.

Il tabellino
Mladost Zagabria-Busto Sport Management: 7-7
(2-2, 2-0, 2-5, 1-0)
MLADOST ZAGABRIA: Marcelic, Radu 2, Milos 2, Cagalj, Anzulovic, A. Petkovic 1, Herceg, F. Lazic, L. Bajic, Biljaka 1, Buljubasic 1, Kharkov, Jurlina. All. Z. Basic
BUSTO SPORT MANAGEMENT: Lazovic, Dolce 1, Damonte 2, Alesiani 1, Fondelli 2, E. Di Somma, Drasovic, Bruni 1, C. Mirarchi, S. Luongo, Casasola, Valentino, Nicosia. All. Baldineti 
ARBITRI: Marjay (Hun) e Teixido (Esp) 
Note: sup. num. Mladost 5/16, Sport Management 6/17

RISULTATI
Szolnoki Dosza-Olympiacos Piraeus: 9-9, Waspo Hannover-Jug Dubrovnik: 7-14, Spandau ’04-Jadran Split: 12-11, Mladost Zagreb-Busto Sport Management: .

CLASSIFICA
Jug Dubrovnik 15; Sport Management Busto Arsizio 10; Olympiacos Piraeus, Mladost Zagreb 8; Szolnoki Dozsa 5; Spandau 4; Jadran Split 3; Waspo Hannover 2.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA