I DEM CHIEDONO IL RITIRO DELLE DELEGHE DI GORRASI
Il Pd attacca: “Silenzio assordante del sindaco Antonelli”

Nella nota l’invito a “bloccare immediatamente il processo di riorganizzazione delle società partecipate del Comune gestito da Gorrasi stesso”

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

“Sono passati tre giorni dagli arresti che coinvolgono anche il Comune di Busto Arsizio e Antonelli non ha ancora revocato l’incarico sindacale al Consigliere comunale di Forza Italia Carmine Gorrasi, non prendendo così le distanze da quanto avvenuto”.
Ad affermarlo è il Partito Democratico di Busto, che torna sulle indagini che stanno scuotendo la politica locale.

“Nella più grande indagine di corruzione in Lombardia dai tempi di tangentopoli – si legge nella nota diffusa dalla sezione di viale Repubblica – la città di Busto Arsizio non può permettersi un Sindaco che non prenda posizione sulle questioni che coinvolgono rappresentanti politici della sua maggioranza”.

I toni del comunicato sono molto decisi: “Pretendiamo che il Sindaco Antonelli non solo revochi immediatamente le deleghe date al Consigliere di Forza Italia, ma che blocchi immediatamente il processo di riorganizzazione delle società partecipate del Comune di Busto Arsizio gestito da Gorrasi stesso, mettendo sotto la lente d’ingrandimento ogni singolo passaggio già effettuato. Chiediamo inoltre che riporti in Consiglio comunale la discussione sulle delibere già approvate e ricordiamo anche che sta tardando nel procedere alla richiesta di ritiro delle nomine degli amministratori delle partecipate coinvolte dall’inchiesta, così come ha già fatto per Accam”.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA