FIRENZE-UYBA 2-3 (25-14, 16-25, 22-25, 25-23, 11-15)
Piani di riserva: Uyba vittoriosa in Toscana

L'ingresso di Vittoria Piani è la svolta ad una partita complicata che la Unet E-Work Busto Arsizio fa sua al tie-break nel posticipo di campionato. Farfalle ancora quarte in classifica.

Igor Mutinari

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Nell’inusuale posticipo del lunedì (al Mandela Forum domenica si è tenuto un concerto), la Unet E-Work Busto Arsizio, seguita in Toscana nonostante la distanza e l’orario non favorevoli da una ventina di indomiti Amici delle Farfalle, ha la meglio al tie-break su una mai doma Firenze per 2-3 (25-14, 16-25, 22-25, 25-23, 11-15).

Con questa vittoria la Uyba, certamente non nella sua versione più bella dell’anno, riesce a stare agganciata al treno delle grandi, consolidando il quarto posto in classifica. Secondo tie-break in pochi giorni, ma la vittoria, a differenza del turno infrasettimanale con Conegliano, arride alla squadra di patron Pirola.

La squadra di Mencarelli, contro un avversario con l’acqua alla gola per una posizione in campionato non consona alle aspettative iniziali, riesce a raddrizzare una partita nata male ma conclusa comunque con la sesta vittoria stagionale. L’allenatore umbro trova in panchina le chiavi per scardinare una formazione che male si incastra con il gioco bustocco. Dall’Igna e Piani danno una buona di sé confermando la bontà delle scelte in fase di mercato da parte di Enzo Barbaro. Soprattutto la Italo-Brasiliana di Arona entra sul teraflex con piglio giusto per far pendere l’ago della bilancia a favore della sua squadra. Una volta in più le farfalle dimostrano il loro carattere: vincere partite del genere è l’ennesima dimostrazione della forza del gruppo e del gioco di squadra.

Già detto di Piani, che segna 12 punti, la top scorer delle biancorosse è Bartsch che mette a terra 15 palloni, seguita da Gennari con 13. A un non eccelso 29% in attacco di squadra, fa da contraltare una solida prova in difesa da 66% di perfetta e 76 di positiva, dove spicca Spirito con 74-85.

Il prossimo impegno per Stufi e compagne sarà in casa, al PalaYamamay, dove domenica 3 dicembre riceveranno la visita della rivelazione del campionato Pesaro – con le ex Aelbrtecht e Ghilardi – con inizio previsto alle ore 17.00. Le marchigiane, neo promosse, occupano la quinta piazza in classifica a 5 lunghezze di distacco dalle farfalle.

Le voci del post partita

Dopo una bella prestazione, è giusto che sia Vittoria Piani a commentare il match: “Ho cercato di mettere tutto quello che avevo: ero carica e ho cercato di dare il massimo. Eravamo forse un po’ stanche, ma non abbiamo mollato e abbiamo tirato fuori tutte le energie nel finale”.

La partita

Nell’inedito posticipo del lunedì, i due allenatori non cambiano rispetto alle formazioni annunciate. Mercarelli quindi si affida al sestetto base composto da Orro in diagonale con Diouf, Stufi e Berti al centro, Gennari e Bartsch in banda e Spirito libero. Risponde Bracci con Bechis-Sorokaite, Tapp-Alberti, Tirozzi-Santana, Parrocchiale.

Primo set: In avvio, grazie alla doppietta della regista Bechis, Firenze si prende subito un buon break (6-3) e nella fase centrale del set il divario si fa ancor più preoccupante con le toscane che doppiano le farfalle (14-7). Le biancorosse si fanno piccole piccole e Firenze spadroneggia (20-8) e rapidamente (25-14) cala il sipario sul parziale.

Secondo set: Dopo una fase iniziale di studio (8-8), Sorokaite prova a sorprendere Busto dopo un video check (10-8) ma la squadra biancorossa non ci sta e con Bartsch e Gennari finalmente in partita, ribalta il tutto (11-13). L’allungo è perentorio (13-21) basandosi sui muri di capitan Stufi e porta rapidamente il punto del pareggio alla Uyba (16-25).

Terzo set: Sotto i colpi di Santana e Sorokaite, Firenze costruisce un buon vantaggio (9-5), la Uyba recupera fino al -1, ma un nuovo black out la precipita al 15-10. L’ingresso di Piani (con Dall’Igna) per un’altalenante Diouf dà nuova linfa alle bustocche che trovano il sorpasso (17-19) e i cinque punti della ragazza di Arona in uno scampolo di set portano in dote il 22-25.

Quarto set: Mencarelli si affida ancora alla diagonale di scorta, ma le toscane provano a ripetizione la fuga (3-1 e 8-6). Nella seconda parte del set le padrone di casa, spinte da Tapp e Sorokaite, costruiscono un vantaggio importante (19-15), ma un parziale 0-5 griffato Piani e Gennari riporta le farfalle davanti (22-23) per un finale di set di pura adrenalina. Tirozzi difatti firma il controsorpasso che vale il tie-break (25-23).

Tie-break: Mencarelli rilancia Orro e il set decisivo inizia come meglio non potrebbe (0-3). Il vantaggio si amplia fino a 2-7. La squadra di Marco Bracci prova a recuperare ma il finale è tutto a tinte biancorosse (11-15) nonostante un thrilling per un video check non concesso a Marco Bracci per un presunto tocca a muro di Piani sull’attacco dato out di Sorokaite (la società fiorentina ha presentato ricorso).

Tabellino

Il Bisonte Firenze-Unet E-Work Busto Arsizio 2-3 (25-14, 16-25, 22-25, 25-23, 11-15)

Il Bisonte Firenze: Sorokaite 17, Alberti 6, Bechis 4, Bonciani, Tapp 20, Santana 15, Di Iulio ne, Parrocchiale (L), Pietrelli 1, Milos ne, Tirozzi 13. All. Bracci, 2° Cervellin. Battute: vincenti 6, errate 9. Muri: 14.

Unet E-Work Busto Arsizio: Piani 12, Stufi 9, Spirito (L), Gennari 13, Dall’Igna 1, Orro 1, Diouf 9, Bartsch 15, Berti 5, Negretti, Chausheva, Botezat ne. All. Mencarelli, 2° Musso. Battute: vincenti 3 (Gennari 2), errate6. Muri: 8 (Stufi 3).

Arbitri: Pozzato e Giardini

Durata set: 21′, 24′, 29′, 28′, 16′. Totale: 118′.

Spettatori: 500 (18 da Busto).

Risultati

Firenze-Uyba 2-3, Novara-Casalmaggiore 3-2, Legnano-Scandicci 0-3, Pesaro-Bergamo 3-0, Filottrano-Monza 1-3, Conegliano-Modena 2-3.

Classifica

Novara 22; Conegliano 21; Scandicci 20; Uyba 18; Modena e Pesaro 13; Monza 10; Casalmaggiore 8; Legnano e Firenze 7; Filottrano 3; Bergamo 2.

Prossimo turno

Domenica 3 dicembre, ore 20.30

Bergamo-Filottrano (sabato 2, 20.30), Uyba-Pesaro, Modena-Firenze, Scandicci-Conegliano, Monza-Novara, Legnano-Casalmaggiore.

Copyright @2017

LEGGI ANCHE