Intervento dei carabinieri
Picchia la compagna incinta per strada e finisce in manette

L’uomo, un cinquantenne castellanzese, aveva diversi precedenti sempre per maltrattamenti. La donna, una ragazza di 20 anni, non aveva mai denunciato il suo persecutore, nonostante lo stato di gravidanza e le continue violenze degli ultimi mesi

CASTELLANZA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Picchia in strada la compagna incinta e viene arrestato. I carabinieri della stazione di Castellanza (Compagnia di Busto Arsizio) hanno arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti e lesioni, un cinquantenne castellanzese che stava picchiando in strada la compagna 20enne incinta. L’accusa, per il cinquantenne disoccupato e già pregiudicato (sempre per maltrattamenti a una precedente e diversa compagna e, ancora prima, per maltrattamenti nei confronti della madre) è quella di lesioni e maltrattamenti in famiglia aggravati dall’aver commesso il fatto nei confronti di una donna incinta.

Nella tarda serata di giovedì 16 aprile, a seguito di una segnalazione al “112”, i carabinieri sono intervenuti a Castellanza, sorprendendo il 50enne in mezzo alla strada, ancora intento a percuotere con calci e pugni la propria convivente.

La vittima è stata trasportata in pronto soccorso a Legnano. La giovane è stata poi dimessa con una prognosi di sette giorni per “ecchimosi su varie parti del corpo e sugli arti inferiori e superiori”. L’uomo, negli ultimi mesi, incurante dello stato di gravidanza della convivente, si era reso responsabile di analoghi maltrattamenti, mai denunciati dalla sua giovane vittima.

Copyright @2020