DOPO L’AGGRESSIONE IN STAZIONE
Il plauso di Albani alle Forze dell’Ordine: “Sempre tempestive”

“Ancora un episodio gravissimo in stazione. Ma a Busto c’è sicurezza grazie ai nostri agenti”, sottolinea l’esponente del Carroccio

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Ragazzina molestata, ancora un grave episodio nelle stazioni di Busto Arsizio. Per fortuna, la prontezza dei pendolari presenti e l’immediato intervento della Volante della Polizia di Stato hanno evitato che la situazione degenerasse.
Resta però un fatto grave e preoccupante. “E non è il primo”, sottolinea il consigliere comunale della Lega Alessandro Albani, che ricorda l’aggressione ai danni di un ragazzo colpevole di aver rifiutato una sigaretta a un gruppo di stranieri e quello clamoroso del nigeriano armato di katana.

“In questo caso è successo qualcosa di, se possibile, ancora più brutto, perché si tratta di una violenza sessuale ai danni di una minorenne, peraltro commessa da una persona irregolare e con un’identità non precisa – osserva l’esponente del Carroccio –. Per fortuna, oltre al fondamentale aiuto degli altri passeggeri, ancora una volta le Forze dell’Ordine sono intervenute con una straordinaria prontezza. Busto è una città complessa, ma proprio grazie all’operato degli agenti è una città sicura e ben controllata”.

Albani allarga il discorso: “Con il nuovo governo e con il cambio di marcia al ministero dell’Interno, sicuramente l’approccio è cambiato. C’è maggiore attenzione e i problemi legati all’immigrazione non vengono più sottostimati come, a mio parere, avveniva con gli esecutivi precedenti. Ora auspico che anche la magistratura agisca con pene severe. Il nostro non può più passare come il paese in cui fare quello che si vuole come in una terra di nessuno ”.

Intanto, il consigliere leghista ribadisce l’elogio per gli agenti: “Nonostante i numeri a disposizione, che auspico possano crescere, le Forze dell’Ordine svolgono al meglio il proprio dovere e, grazie a loro, la sicurezza in città è garantita”.

rc

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA