Poesia “antica”

Si litiga troppo. Si alza troppo, la voce. Si parla e non si ascolta. E' tempo, adesso di sospirare o (come si dice), di tirare il fiato. Capita a fagiolo una poesia "antica" di un illustre maestro della Lingua Bustocca. Uomo probo, senza macchia che nessuno mai ha criticato e che nessuno ha avuto un "che" da ridire: Angelo Azzimonti.

Gianluigi Marcora

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Si litiga troppo. Si alza troppo, la voce. Si parla e non si ascolta. E’ tempo, adesso di sospirare o (come si dice), di tirare il fiato. Capita a fagiolo una poesia “antica” di un illustre maestro della Lingua Bustocca. Uomo probo, senza macchia che nessuno mai ha criticato e che nessuno ha avuto un “che” da ridire: Angelo Azzimonti.

Osserviamo insieme la delicatezza delle parole, colme di “conforto” del Poeta e, nel limite del possibile, mettiamole in pratica, affinchè si possa gustare meglio la vita. Già il titolo della poesia, “a ma piasèssi….” (mi piacerebbe) la dice lunga sullo stile di vita sognante del Poeta. Osserviamo alcuni passaggi di questa meravigliosa lirica:

a ma piasèssi a vèssi ‘na farfàla, cha và da fiùi in fiùi a prufùmassi . dul sù la droeua i ràgi par fàss bèla e i gùti da rusàa par spegiassi; in cièl la g’ha a sò cà dèn’d’una stèla e, pèna ùl tempu al tàca a rinfrescàssi la scàpa sù, lingea mè’na gàla e la stà là fin càndu’ul prim cantà dul mèrlu al dis che’l frègiu l’è passà”.

“mi piacerebbe essere una farfalla, che va (vola) da fiore in fiore a profumarsi, del sole adopera i raggi per farsi bella e le gocce di rugiada per specchiarsi; in cielo (la farfalla) ha la sua casa, dentro una stella e appena il tempo attacca (comincia) a rinfrescarsi, (la farfalla) scappa su (in alto) leggera come una piuma e vi resta sino a quando (sente) il primo canto del merlo dire che il freddo è passato.

“un passaèn a ma piasèssi a vèssi che sut’ài cùpi al tègn apartàmentu, tùl fèi da fràschi sèchi, rèfu, gùssi e fìi da pàia: ebàn  a l’è cuntèntu parchè al cugnùssi nòn i nòstar….lùssi! Con mai nissoeun fastidi nè turmèntu in mèz’al vèrdu tùtu ul dì a vivèssi frà tanta pàsi e tànta libertà che i òman hin nàn bon da imaginà“…

“un passerotto, mi piacerebbe essere, che sotto le tegole ha appartamento, tutto fatto (costruito) con foglie secche, refe, gusci e fili di paglia; eppure (il passerotto) è contento, perchè non conosce i nostri ….lussi! Senza alcun fastidio ne tormento in mezzo al verde tutto il giorno vivrei fra tanta pace e tanta libertà che gli uomini non sono nemmeno capaci di immaginare”.

di voeulti invèci a vuèssi a vèssi un fiùi che ul sù al dirsèda e lu indurmènta a lùna in mèz’ai prà, in muntàgna o sù’i scarpài, cugnùssi i bèi farfàl a vùna a vùna, amìsi cont’a drùìgia che d’estài in sù’i fraschèti la sa cèrca a cùna o, cunt’ul pùsse bèl di so culùi, in gèsa in sù’n altài a profùmà insèma a u incesnsu, Chi ch’a l’ha creà”

“alle volte, invece, vorrei essere un fiore che il sole sveglia e lo addormenta la luna, in mezzo al prato, in montagna o sulle scarpate, conoscere le belle farfalle, una ad una, amica con la nebbiolina della rugiada che d’estate, sulle tenere frasche si culla o col più bello dei suoi colori, in chiesa, sopra a un altare, a profumare insieme all’incenso Chi l’ha creata”.

“….però sum chèl cha sum e a sum cuntèntu: sa g’hò ‘na pèna lù cunsegnù al ventu che, tra farfàl e passaiti e fiùi, lu pòrta in scòssu àa Màma dul Signùi”.

“…..tuttavia, sono quel che sono e sono contento: se ho una pena la consegno al vento che, tra farfalle, passerotti e fiori, la porta in grembo alla Mamma del Signore“.

 

Delicatezza e saggezza ….aggiungere altro è superfluo e ….quasi blasfemo. Si litighi meno!

Copyright @2019

DALLE RUBRICHE