Poesia e memoria

Tradizione e Storia ...modi di dire e ...progresso. Sentite un po' la ....musicalità del tempo che fu con l'attualità, mescolata con la Tradizione che (lo dico con coscienza), tiene in considerazione un modo di vivere lontano anni luce, rispetto al tempo presente...

Gianluigi Marcora

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Tradizione e Storia …modi di dire e …progresso. Sentite un po’ la ….musicalità del tempo che fu con l’attualità, mescolata con la Tradizione che (lo dico con coscienza), tiene in considerazione un modo di vivere lontano anni luce, rispetto al tempo presente. Sempre con coscienza asserisco che “senza memoria non c’è storia” e a dimenticare il passato, c’è mai futuro.

Eccoci dunque alle prese con una Poesia magnifica scritta dal mio amico Gianfranco Trotti che di usi e di costumi, tradizione e storia, se ne intende. Con la Poesia “ùl tranvài” si identifica il “gamba da lègn” che altro non è se non il tramvai (lentissimo) e nella spiegazione svelerò l’arcano.

Ecco il testo completo:

“Ma disèa’l me pà – che tanti àn fà – ancà’a Busti ga pasèa’l tràm. – La gnèa da Milàn e l’andèà’a Galarà – nanca’l tempu da bèi’n cafè – ca l’ea già ùa da turn’à’n drè. – L’andea lilon-lilan – ‘npo adasi e ‘po piàn – l’è anca par chèl – ca lù ciamèan gamba da lègn. – Al rivèa in staziòn – al caèghea chi ga gnèa – e ù purtèa a destinaziòn. – L’èa in sci bèl vidèl passà – e al sumèea da vessi a Milàn. – Un bèl dì’l s’è fermà – l’e stèi bòn pu d’andà. – Cont’una medaia da cartòn – l’han mandà in pension. – S’è te serèi un mumentu i oegi – e te pruèi a pensà – a ta sumèea anmò da sentil passà – pan’dà a Galarà e gni’n’drè – senza nanca’l tempu da bèi’n cafè.

Gianfranco Trotti

Traduzione: “mi diceva mio padre – che tanti anni fa – anche a Busto Arsizio transitava il tram. – Arrivava da Milano e andava a Gallarate – neanche il tempo per bere un caffè – era già ora di tornare indietro. – Andava claudicante ( quel lilon-lilan era tipica espressione Bustocca per significare qual era la tranquillità del movimento) – un tantino adagio e un tantino piano (anche qui, un rafforzativo – adagio e piano) – ed è per quello – che chiamavano il tram, gamba di legno (osservate la delicatezza del “lilon-lilan”- associata al tantino adagio e al tantino piano) – Arrivava (il tram) in stazione – caricava coloro che ne facevano uso – e li portava a destinazione. – Era così bello vederlo (il tram) passare – e sembrava di essere a Milano. – Un bel giorno (il tram – gamba di legno) si è fermato – non era più adatto per la bisogna. – Con una medaglia di cartone (per dire, una modesta cerimonia) – lo hanno mandato in pensione (tolto dal giro). – Se chiudevi per un attimo gli occhi – e provavi a pensare (ricordare) – ti immaginavi ancora di sentirlo passare – per andare a Gallarate e tornare – senza nemmeno il tempo per bere un caffè”.

Quanta nostalgia….non solo per l’Autore, ma pure i “vecchi Bustocchi” e per coloro che tuttora ricordano “i làm dùl tranvai, dul gamba da legn” (le rotaie), fino a qualche anno fa visibili in Piazza Trento Trieste. Anche quella “testimonianza” oggi, non è più visibile.

Ricordare “fa bene”: si vive e si apprezza il tempo passato, la lezione che il tempo offre al progresso e l’evoluzione della Storia che ha trasformato un’antica città rurale (Busto Arsizio), nella prima città (in molti campi) della Provincia di Varese.

Copyright @2020

DALLE RUBRICHE