CAS CRISI SENZA FINE. ANTONIANA PARI SENZA GOL
Poker Busto 81. Anche San Marco, Beata, Borsanese e Ardor centrano il successo

Il Busto 81 si rende autore dell'ennesima resurrezione e piazza 4 reti agli avversari. Vincono anche San Marco, Beata, Borsanese e Ardor, mentre continua la crisi del Cas. Pari senza reti per l'Antoniana

Riccardo Torresan

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Chiuso il 68esimo Festival di Sanremo, dai fiori della Liguria si torna ai prati della Lombardia. Il campionato dilettanti, infatti, torna a scuotere le classifiche con una nuova giornata. C’è da vedere – per rimanere nel parallelismo – chi eseguirà al meglio il proprio spartito e chi, invece, steccherà qualche nota. Le bustocche erano impegnate nel tentativo di riscattare una giornata nera (la scorsa): la parola ai campi, per sapere se l’operazione è da considerarsi riuscita.

Eccellenza

Busto 81-Città di Vigevano: 4-0

Torna alla vittoria il Busto 81 di Danilo Tricarico, dopo due giornate di leggera flessione. La partita si apre da subito con i biancorossi che tengono il controllo delle operazioni, imponendo il proprio gioco. Il primo a pungere la difesa avversaria è Scapinello, che insacca al 20′. Poco prima della fine del primo tempo, invece, è il turno di Volpini, che assicura il 2-0 dopo 45 minuti. Il secondo tempo vede riproposti gli stessi equilibri, con i tori che non lasciano chance di recupero agli ospiti. Il 3-0 è di Casorati, mentre la zampata finale porta la firma di Berberi. Nonostante un rigore fallito, il bomber rimedia dopo pochi istanti e chiude la questione una volta per tutte. Nel frattempo, le rivali per il posto da capolista (Verbano e Cavenago Fanfulla) pareggiano tra loro, regalando una piacevole risalita ai bustocchi.

Ottima vittoria anche per il Legnano di Rovellini, che schianta 5-1 l’Accademia Gaggiano. La Castellanzese di Palazzi, invece, rimedia una sconfitta di misura (1-2) dall’Union Villa Cassano.

Prima categoria

Luino Maccagno-Antoniana: 0-0

Risultato un po’ stretto per l’Antoniana di Davide Airoldi, che però raccoglie un punto importante e consolida la propria posizione in classifica. L’intera partita si gioca all’insegna di un tendenziale equilibrio, rotto periodicamente da qualche occasione per i giallorossi. Se il Luino non impensierisce mai veramente il portiere avversario, i bustocchi invece si procurano qualche chance, come il palo centrato da Ana Prete dopo soli 5 minuti. Nel corso di 90 minuti c’è anche il tempo per 3 gol annullati agli ospiti, che rimangono quindi a secco.

“Eravamo i favoriti del pronostico – sottolinea il mister – ma non è stata una prestazione negativa. A parte il risultato, che lascia un po’ di amaro in bocca, ci siamo comportati bene. Dobbiamo solo essere più concreti”.

Gorla Maggiore-Cas: 2-1

Sembra non volersi arrestare la crisi del Cas, che si ritrova per le mani la terza sconfitta consecutiva. Da sottolineare, però, il valore ben diverso dell’avversario di oggi, capace in effetti di dare filo da torcere ai bustocchi. Fatale, per gli uomini di Luciano Cau, è il primo quarto d’ora di partita, in cui la tensione nervosa si fa sentire e permette ai padroni di casa di infilare l’1-0. Dopo questi primi minuti, i biancoblù paiono riprendersi ed iniziano a trovare qualche bella combinazione, specie con Alessi. Al 30′ del primo tempo, però, una mischia su calcio d’angolo manda di nuovo in gol il Gorla, che si assicura la prima frazione sul 2-0. Nella ripresa, i sinaghini entrano con un atteggiamento decisamente diverso. Una maggior tranquillità emotiva permette loro di dimezzare lo svantaggio, proprio con Alessi, intorno alla metà del secondo tempo. Il resto della partita vede continui tentativi del Cas, che però vede sfumare qualche occasione buona per il pareggio.

“Tolto il primo quarto d’ora – commenta Cau, discutibilmente espulso per proteste – la nostra prestazione si può considerare anche discreta. Certo, però, siamo in una situazione poco invidiabile, anche in classifica. Non corrisponde alle nostre ambizioni, perciò dovremo lavorarci su”.

Folgore Legnano-San Marco: 1-3

Tornano ad assaporare il gusto della vittoria i leoni alati di Stefano Rasini. La San Marco parte subito meglio, sbloccando il risultato dopo appena 7 minuti con Roncato. Poco dopo, però, i biancoazzurri restano in dieci, episodio che rischia di condizionare la partita. Al 44′, infatti, arriva il gol che buca la difesa bustocca e pareggia i conti. Nella ripresa, invece, i leoni entrano per onorare questo nome: cuore, grinta e voglia tornano fortissimi, garantendo energie extra e portano due gol decisivi. Al 25′ è Virili a convertire un rigore, mentre nel finale di partita ci pensa Vendemmiati a chiudere i conti.

Anche oggi un nostro errore poteva costarci caro – commenta l’allenatore – ma stavolta abbiamo avuto una bellissima reazione. I ragazzi ci hanno messo tutto quello che avevano, lottando e conquistandosi questi 3 punti”.

Seconda categoria

Beata Giuliana-Calcio Lonate Pozzolo: 2-1

Seguendo l’ormai consueto “effetto altalena”, il Beata Giuliana di Alfredo Rossetti torna alla vittoria sul campo di casa. Nonostante una brutta partenza, visto l’1-0 avversario dopo appena tre giri d’orologio, i rossoblù non si perdono d’animo. Con una mano da parte del Lonate, che resta in dieci, nel finale del primo tempo arriva il pareggio firmato Ciuciu. La ripresa ripropone sostanzialmente lo stesso spartito, con un perdurante equilibrio tra le due formazioni. Il pareggio, infatti, pare inevitabile a tutti fino all’ultimo dei 4 minuti di recupero. Proprio all’ultimo secondo, infatti, una mischia deposita il pallone sui piedi di Bachhiega, che non sbaglia il colpo e regala ai suoi alla vittoria.

Cauto ottimismo da parte del mister: “Abbiamo giocato una partita maschia, dove l’agonismo ha avuto un peso specifico maggiore rispetto alla qualità di gioco. Bene per questi 3 punti, ma adesso serve concentrazione per la partita in trasferta”.

Borsanese-San Massimiliano Kolbe: 3-2

Si riscatta anche la Borsanese di Davide Tomanin, che porta a casa una vittoria meno sofferta di quanto dica il risultato. La prima stoccata è dei bustocchi, che insaccano al 15′ con Bottini. La reazione avversaria è immediata, e poco dopo arriva l’1-1, risultato che resta congelato fino alla pausa di metà gara. Nel secondo tempo, però, i biancoazzurri si sciolgono ed eliminano quelle ingenuità che erano costate caro nei primi 45 minuti. Il dominio dei padroni di casa si concretizza nei due gol con cui Bottini e Tallarida chiudono i conti. Solo all’ultimo gli ospiti trovano un varco ed insaccano il gol del 3-2, che resta però vano.

“Il primo tempo ha visto forse qualche errore di troppo – commenta il tecnico – ma il secondo è stato un nostro assolo. Molto buona la reazione psicologica dopo il gol del loro pareggio, che poteva mandarci in crisi”.

Terza categoria

Ardor-Giosport: 5-2

Risultato che parla in un senso, prestazione che parla nell’altro. Questa l’estrema sintesi di una giornata, nel contempo, facile e difficile per l’Ardor di Fabio Colombo. Il primo tempo vede gli avversari subito davanti 1-0, salva l’immediata reazione con Pozzi che, all’8′ minuto, firma il gol dell’1-1. Prima della pausa, però, c’è spazio per il 2-1 della Giosport, che si prende quindi il primo tempo. La strigliata di mister Colombo negli spogliatoi, però, produce evidentemente i suoi effetti, perché nel secondo tempo gli ardorini trovano l’orgoglio necessario per reagire ad una situazione complicata. Prima Mior (10′) e Muchammir (60′), poi Sartori (70′) e Vavassori (87′) ribaltano completamente la situazione, sancendo il 5-2 finale per gli azzurri.

Non contento, però, l’allenatore: “Abbiamo giocato il peggior primo tempo della nostra stagione fin qui, e questo poi si è visto anche nel secondo. Abbiamo reagito con l’orgoglio e la voglia di vincere, ma non è stata affatto una bella prestazione. Prendiamo i 3 punti, ma dobbiamo lavorare meglio e recuperare tutti gli infortunati”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA

Ardor/Busto 81/Busto Arsizio/Eccellenza/San Marco/Seconda Categoria/TERZA CATEGORIA/antoniana/beata giuliana/borsanese/busto/calcio/campionato/cas/dilettanti/girone di ritorno/prima categoria/sport

Il Busto 81 dilaga, a segno anche Antoniana e Borsanese

Copyright @2018