L’INTERVENTO DEL SINDACALISTA SARTORATO (ADL)
Polizia locale, “gli elogi non bastano”

“La sicurezza non si ottiene con le multe ma con la prevenzione. Occorrono assunzioni e il giusto riconoscimento in fatto di premio di produttività”

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

“Le multe sono aumentate? Non c’è ragione per farsene un vanto”. Dopo la presentazione del report relativo all’attività e ai risultati ottenuti dalla Polizia locale nel 2018, interviene Fausto Sartorato, sindacalista della sigla Adl, per 33 anni in servizio nei vigili di Busto Arsizio.

“È più importante fare repressione o prevenzione? Io propendo per la seconda – osserva – ma per andare in questa direzione occorre assumere personale e sanare i problemi legati alle carenze di organico. So bene che ci sono molto vincoli, ma nei prossimi mesi diversi agenti andranno in pensione. E senza uomini non può esserci vera sicurezza. Esultare per qualche multa in più non ha senso”.

Sartorato ha letto gli elogi che il sindaco Emanuele Antonelli e l’assessore alla Sicurezza Massimo Rogora hanno rivolto alla Polizia locale: “Riconoscere la qualità del lavoro svolto è giusto, ma le parole lasciano il tempo che trovano se poi questo settore è il più penalizzato in termini di premio di produttività. Non si parla certo di grandi cifre, bensì di riconoscere concretamente il lavoro svolto. Ed è un aspetto che ho fatto notare più volte”.

Altro tasto dolente su cui da anni insiste l’esponente di Adl riguarda la sede del Comando. “Del tutto inadeguata – ribadisce –. I Molini Marzoli sono una bella struttura, ma la Polizia locale non può condividere i propri spazi con un’università e altri uffici comunali. Avevamo suggerito come possibile soluzione l’ex caserma della Guardia di Finanza, ma non abbiamo ricevuto alcuna risposta”.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA