Serie D, Ponte San Pietro è ancora tabù
Pontisola-Pro Patria: 1-0. La dura legge del gol inchioda i tigrotti

Sconfitta beffarda per i tigrotti, puniti nell'unico tiro in porta di una partita dominata, biancoblù ora a -4 dalla vetta. Mercoledì (ore 14.30) di nuovo campionato: Pro-Virtus Bergamo

GIOGARA

Mattia Brazzelli Lualdi

PONTE SAN PIETRO (BG)

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Incredibile sconfitta a Ponte San Pietro, dove va in scena la dura legge del gol: la Pro Patria gioca e spreca di tutto (e di più), imbattendosi anche nella giornata di grazia del portiere orobico Pennesi, mentre il Pontisola sfrutta l’unico tiro in porta e coglie l’intera posta in palio. Nel primo tempo, dominato a centrocampo dai biancoblù, i tigrotti (con Guadagnin fra i pali) non riescono a capitalizzare la netta supremazia territoriale, sprecando almeno cinque nitide palle gol, due con Gucci nella prima mezz’ora di gioco, due con Le Noci in rapida successione e ancora con Gucci allo scadere.

All’intervallo a reti inviolate, nella ripresa – con Javorcic che ricorre dopo pochi minuti anche a Santana – prosegue il monologo bustocco: al 57′ Mandelli salva sulla linea di porta il colpo di tacco di Colombo, poi è il portiere locale Pennesi a ergersi assoluto protagonista, prima sulla deviazione ravvicinata Santana, poi sulla punizione dell’argentino, infine sul colpo di testa da due passi di Zaro. La legge del calcio è però crudele ed impietosa: al 77′ il Pontisola, al primo tiro in porta, sblocca il risultato con Recino, condannando i biancoblù ad una sconfitta (la terza stagionale col minimo scarto, dopo Pergolettese e Rezzato) che definire beffarda è persino riduttivo. In classifica, dove il Rezzato si impone a valanga sul Lumezzane (6-0 per i bresciani in Valgobbia), i tigrotti scivolano a quattro lunghezze dalla vetta (pur con una gara in meno, avendo già osservato il turno di riposo): “La matematica dice che dovevamo vincere questa partita – osserva nel post partita Javoricic – ma il calcio evidentemente non è una scienza esatta: abbiamo creato tanto, giocando una grande gara, ma non abbiamo raccolto nulla. E’ davvero difficile commentare questo risultato, ma andiamo avanti, pronti a rialzare subito la testa, senza disperdere l’entusiasmo e l’attaccamento dei nostri grandi tifosi, accorsi numerosi e capaci di farci giocare ancora una volta in casa”.  

Mercoledì (21 febbraio) Pro di nuovo in campo per il turno infrasettimanale di campionato: allo Speroni (calcio d’inizio ore 14.30) ospite la Virtus Bergamo, nella seconda tappa del trittico lombardo che si chiuderà domenica 25 con la trasferta a Caravaggio.

PRIMO TEMPO
Giornata uggiosa e fredda a Ponte San Pietro, dove la Pro Patria – in maglia nera – deve rinunciare all’acciaccato portiere Mangano (fra i pali via libera a Guadagnin con il 2000 Simone Cotardo in panchina, al fianco di big come Santana, Disabato e Gazo). Nell’undici bustocco mister Javorcic dà fiducia fin dal via a Pedone, a centrocampo con capitan Colombo. In tribuna (settore unico e peraltro ripidissimo) massiccia presenza di tifosi biancoblù. 

00′ – Calcio d’inizio sotto il tifo incessante degli ultras biancoblù

03′ – Sull’inserimento di Pedone, Gucci cicca di sinistro da buona posizione

04′ – Ancora Gucci, stavolta di destro: palla sopra la traversa

14′ – Contropiede fulmineo con Gucci che serve Galli (anziché Le Noci), rimpallato al momento del tiro

17′ – Vantaggio del Rezzato (gol di Gualdi) a Lumezzane

21′ – Sull’invitante taglio di Le Noci, Colombo non ci arriva d’un niente

30′ – Occasionissima Pro: sull’imbeccata di Pedone, Gucci devia di testa: palla fuori d’un soffio

34′ – Le Noci scodella per Colombo che ci prova in scivolata

35′ – Raddoppio del Rezzato (Bertazzoli su rigore)

37′ – Sull’errore di Rondelli, Le Noci ha la palla per far male, ma svirgola la conclusione

38′ – Ancora un’occasionissima, ancora con Le Noci: diagonale fuori bersaglio

39′ – Su contropiede del Pontisola, Zaro ci metta una pezza

42′ – Gucci ci prova ancora di testa: palla a lato

44′ – Sul cross di Galli, Gucci schiaccia di testa a colpo sicuro: Pennesi respinge d’istinto

45′ – Dopo neanche un minuto di recupero, squadre negli spogliatoio sullo 0-0: un risultato che sta strettissimo alla Pro Patria, bella da vedere per l’armonia nella manovra, ma sempre fumosa sotto porta (almeno cinque palle gol non capitalizzate).

SECONDO TEMPO

Nessun cambio al rientro dagli spogliatoi per Javorcic e Curioni

00′ – Ripartiti, sotto la luce artificiale dei riflettori

08′ – Cottarelli di sinistro da fuori area: Pennesi blocca

10′ – E’ il momento di Santana

12′ – Sull’inserimento di Galli, Colombo corregge in rete di tacco, ma Mandelli salva sulla linea di porta

14′ – La girata morbida di Santana termina d’un soffio sopra la traversa

18′ – L’assedio continua: sulla girata sul primo palo di Santana, Pennesi salva ancora il risultato

19′ – Intanto il Rezzato dilaga a Lumezzane

20′ – Javorcic gioca la carta Disabato

24′ – Santana su punizione: Pennesi toglie la palla dall’angolino

26′ – Su angolo, Zaro a colpo sicuro: Pennesi compie l’ennesimo miracolo

30′ – Primo “intervento” di Guadagnin, bravo in uscita su Signorelli

31′ – Intanto in tribuna si accendono gli animi, sedati dalle Forze dell’Ordine

32′ GOL – In contropiede, Recino segna il classico gol beffa: 1-0. Un tiro, un gol

33′ – Dentro anche Bortoluz

42′ – Bortoluz fa tutto bene, ma conclude male

48′ – Ci prova fino all’ultimo Zaro, ma la palla non ne vuole proprio sapere d’entrare

49′ – Dopo 4′ di recupero, il triplice fischio finale sancisce l’incredibile vittoria del Pontisola di “San” Pennesi, capace con un solo tiro in porta di cogliere l’intera posta in palio. Alla Pro Patria, seppur sconfitta immeritatamente, non resta che recitare il mea culpa per le tante, troppe, occasioni sprecate.

IL TABELLINO

Pontisola-Pro Patria: 1-0 (0-0)

Marcatore: Recino al 32’st

PONTISOLA: Pennesi, Mosca, Pellegrinelli, Pedrocchi, Ientile, Rondelli, Ruggeri, Mandelli, Recino (dal 44’st Piacentini), Ferreira Pinto, Perego (dal 22’st Signorelli). A disposizione: Falciglia, De Toma. Carrieri, Remuzzi, Sow, Villa, Cugini. Allenatore: Giacomo Curioni.
PRO PATRIA: Guadagnin, Cottarelli (dal 38’st Chiarion), Scuderi, Pettarin, Molnar, Zaro, Pedone (dal 20’st Disabato), Colombo (dal 33’st Bortoluz), Gucci (dal 10’st Santana), Le Noci, Galli (dal 41’st Arrigoni). A disposizione: Cotardo, Gazo, Mozzanica, Ugo. Allenatore: Ivan Javorcic.
ARBITRO: Francesco Carrione di Castellamare di Stabia (Ferrari di Aprilia, Ragone di Ciampino)
NOTE – Giornata umida e fredda, terreno in discrete condizioni. Spettatori 600 ca. Ammoniti: Ruggeri, Pellegrinelli, recino. Calci d’angolo: 2-7. Minuti di recupero: pt 0′, st 4′

Le pagelle dei tigrotti
PRO PATRIA: Guadagnin sv; Molnar 5.5, Zaro 5.5, Scuderi 6; Cottarelli 6, Colombo 6, Pettarin 6, Pedone 6.5, Galli 6.5; Le Noci 5.5, Gucci 5. Santana 6.5, Disabato 5.5, Chiarion sv, Bortoluz sv, Arrigoni sv. Javorcic: 6.

RISULTATI
Sabato 17 febbraio: Ciserano-Lecco: 1-1, Pergolettese-Levico Terme: 3-0.
Domenica 18 febbraio: Pontisola-Pro Patria: 1-0, Lumezzane-Rezzato: 0-6, Bustese-Ciliverghe Mazzano: 0-2, Caravaggio-Romanese: 2-1, Dro-Crema: 3-1, Scanzorosciate-Darfo: 1-0, Virtus Bergamo-Grumellese: 3-0. Riposa: Trento

CLASSIFICA
Rezzato punti 58; Pro Patria* 54; Pontisola 53; Pergolettese* 49; Darfo Boario 48; Virtus Bergamo 45; Caravaggio 38; Lecco 37; Bustese* 35; Levico Terme 34; Ciliverghe-Mazzano 33; Lumezzane 32; Crema*, Scanzorosciate* 29; Trento* 27; Ciserano 23; Dro 21; Grumellese* 19; Romanese* 10 (* già osservato il turno di riposo).

PROSSIMO TURNO
Mercoledì 21 febbraio (ore 14.30): Pro Patria-Virtus Bergamo,  Rezzato-Ciserano, Lecco-Scanzorosciate, Romanese-Lumezzane, Ciliverghe-Pergolettese, Crema-Pontisola, Darfo-Bustese, Grumellese-Caravaggio, Levico-Trento. Riposa: Dro Alto Garda.

(Fotoservizio Pontisola-Pro Patria a cura di Giovanni Garavaglia)

Copyright @2018