TIGROTTI PROMOSSI IN SERIE C
Pro Patria-Darfo Boario: 4-1. RieccoCi / Le foto della festa

Con una doppietta di Disabato, un eurogol di Santana e una rete di Gucci, la Pro Patria stende il Darfo Boario e centra la vittoria che vale promozione e ritorno in serie C. Allo "Speroni", davanti a quasi 3000 spettatori, è festa grande

GIOGARA

Mattia Brazzelli Lualdi

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il purgatorio della serie D è davvero finito: la Pro Patria della presidentessa Patrizia Testa (“Grazie ragazzi, grazie ultras, grazie tifosi”) è promossa in serie C. Un verdetto tanto atteso, quanto meritato, sudato e guadagnato sul campo da gioco, fino all’ultima giornata, in ossequio alla tradizione bustocca.
Contro un Darfo già matematicamente certo dei playoff, i tigrotti di Javorcic – in uno “Speroni” vestito a festa, con quasi 3000 spettatori sugli spalti, fra cui tanti ex (Serafini, Perfetti con tanto di maglia biancoblù, Vecchio, Regalia e tantissimi altri ancora)  – sbloccano il risultato a cavallo della mezz’ora con un micidiale 1-2 targato Disabato, lesto al 27′ a sfruttare un errore del portiere camuno e preciso al 35′ a spedire in fondo al sacco il cross dalla sinistra di Cottarelli, bravo in precedenza a rubare palla.
All’intervallo avanti di due reti, in avvio di ripresa Santana, con un eurogol dal limite dell’area (botta all’incrocio), mette in cassaforte la vittoria, firmando il quindicesimo sigillo personale.
Fra cambi, crampi, applausi, il gol della bandiera di Vaglio all’82’, il cercato gol del 4-1 di Gucci e poco altro si arriva al triplice fischio finale, quando può finalmente esplodere la festa: la festa di una squadra, di una società, di un pubblico, di una città, di una storia, di una fede, di una bandiera, di due colori, di un grande cuore, insomma di un vero popolo: il popolo biancoblù

PRIMO TEMPO
In uno “Speroni” gremito come ai tempi d’oro – almeno 2500 spettatori sugli spalti – la Pro Patria, in campo con la gloriosa maglia biancoblù, si schiera con l’undici annunciato (Marcone al posto di Scuderi). Tradizionale completo neroverde per il Darfo di Del Prato, seguito a Busto da uno stoico tifoso tambureggiante (rispetto) 
00′: Avvio ritardato di 3′ per garantire la concomitanza con Romanese-Rezzato
00′: Il guerriero Gazo dà il calcio d’inizio al match
01′: A bordo campo, lato curva, serve l’acqua per spegnere un cartellone in fiamme
06′: Le Noci prova l’eurogol a giro: la palla sfiora l’incrocio
08′: Pericolosa ripartenza del Darfo: Nibali calcia alle stelle
09′: Rezzato in vantaggio a Romano di Lombardia
11′: Raddoppio del Rezzato
15′: Santana fermato da un dubbio offside
17′: Sul lancio di Zaro, Cottarelli ha la palla del vantaggio: Rdifi respinge
18′: Stop (con la colla) e cross di Santana: Le Noci arriva un attimo in ritardo
20′: Bella palla recuperata di Disabato: il Darfo si salva
22′: Diagonale mancino di Santana da posizione impossibile: palla a fil di palo
25′: Ammonito il portiere del Darfo per perdita di tempo
27′ GOL PRO PATRIA: Su un erroraccio di Rdifi, Disabato ne approfitta, firmando l’1-0 a porta vuota
35′ GOL PRO PATRIA: Su una palla recuperata da Cottarelli, Disabato fa bis e doppietta: 2-0
46′ – Dopo 1′ di recupero squadre negli spogliatoi: all’intervallo la Pro avanti di due reti grazie alla doppietta di Disabato a cavallo della mezz’ora. Tigrotti a metà dell’opera, ma guai ad abbassare l’asticella (il Rezzato vince 4-0 a Romano): la posta in palio è troppo importante

SECONDO TEMPO
Javorcic e Del Prato ripartono dagli stessi undici
00′ – Ripartiti
01′ – Patrizia Testa vaga per la tribuna: troppa tensione
04′ – Santana vicino al tris: Rdifi non si fa sorprendere sul primo palo
05′ GOL PRO PATRIA: Eurogol di Santana dal limite dell’area: 3-0
10′ – Crampi per Marcone
12′ – Dentro Scuderi
15′ – Principio di crampi anche per Pettarin: da davvero caldo
23′ – Doppio cambio Pro: fuori fra gli applausi Pettarin e Le Noci, per Mozzanica e Gucci
30′ – Spazio anche per Pedone (applausi per Disabato)
32′ – Su un cross errato di Filippi, la palla scheggia la traversa
37′ GOL DARFO: Su cross di Mondini, Vaglio accorcia le distanze: 3-1
41′ GOL PRO PATRIA: Gucci rimette tutto in ordine, firmando il 4-1
48′ – Triplice fischio finale: 4-1 per la Pro. E’ promozione, è serie C! Brava Patrizia, bravo mister, bravi tigrotti, bravi tutti

IL TABELLINO
Pro Patria-Darfo: 4-1 (2-0)
Marcatori: Disabato (P) al 27’pt e al 35’pt, Santana (P) al 5’st, Vaglio (D) al 37’st, Gucci (P) al 41’st Gucci
PRO PATRIA: Mangano, Cottarelli, Marcone (dal 12’st Scuderi), Pettarin (dal 24’st Mozzanica), Molnar, Zaro, Galli, Gazo, Disabato (dal 30’st Pedone), Le Noci (dal 24’st Gucci), Santana. A disposizione: Guadagnin, Chiarion, Colombo, Arrigoni, Bortoluz, Allenatore: Javorcic
DARFO: Rdifi, Filippi, Mondini, Panatti (dal 12’st Martinazzoli), Lucenti, Lebran, Forlani, Muchetti, Spampatti (dal 12’st Cruz Pereira), Lauricella (dal 25’st Ademi), Nibali (dal 20’st Vaglio). A disposizione: Petrisor, Fratus, Bruno, Galelli, Filippi. Allenatore: Del Prato
ARBITRO: Angelucci di Foligno (Treve, Agostino)
NOTE – Giornata calda e soleggiata; terreno in perfette condizioni. Spettatori: 2800 ca (paganti 2368). Ammoniti: Rdifi. Calci d’angolo: 1-4. Minuti di recupero: pt 1′, st 3′

RISULTATI
Domenica 6 maggio (ore 15)Pro Patria-Darfo Boario: 4-1, Romanese-Rezzato: 0-6, Caravaggio-Bustese: 1-1, Crema-Ciliverghe: 2-2 Dro Alto Garda-Levico Terme: 1-1, Grumellese-Lecco: 2-1, Lumezzane-Scanzorosciate: 0-0, Pontisola-Trento: 0-1, Virtus Bergamo-Pergolettese: 3-4. Riposa: Ciserano.

LA CLASSIFICA 
Pro Patria punti 79; Rezzato 78; Pontisola 70; Pergolettese 67; Darfo Boario 62; Virtus Bergamo, Lecco 58; Crema 48; Caravaggio, Bustese 47;  Ciliverghe-Mazzano 45; Levico Terme 44; Trento, Scanzorosciate 43; Lumezzane 42; Ciserano 36; Grumellese 34; Dro 31; Romanese* 11 (* già osservato il turno di riposo).

I VERDETTI
Promossa in serie C: Pro Patria
Ai playoff: Rezzato-Darfo, Pontisola-Pergoletteseo
Ai playout: Lumezzane-Ciserano
Retrocesse in Eccellenza: Romanese, Dro e Grummelese

Fotoservizio Pro Patria-Darfo Boario a cura di Giovanni Garavaglia

Copyright @2018

LEGGI ANCHE

NELLA STESSA CATEGORIA