SERIE D, beffa casalinga per i biancoblù
Pro Patria-Rezzato: 0-1. Ai tigrotti gli applausi, ai bresciani i tre punti

Per la serie minimo sforzo, massima resa, un gol di Mair a metà ripresa basta al Rezzato per violare lo Speroni: alla Pro il rammarico per non aver capitalizzato un primo tempo dominato. Mercoledì di nuovo campionato con la trasferta a Romano di Lombardia

GIOGARA

Mattia Brazzelli Lualdi

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

In uno Speroni colorato di biancoblù, con striscioni e coreografia da applausi, la Pro Patria si fa fare la festa dal Rezzato, in grado di sbancare Busto (è il primo k.o. interno della stagione, il secondo in campionato) con l’unico tiro in porta effettuato nel corso del match, per un risultato finale (0-1) bugiardo, soprattutto alla luce dell’ottimo primo tempo disputato e dominato dai bustocchi. Con Gucci titolare all’ultimo per Santana (k.o. nel riscaldamento), la supremazia biancoblù è evidente fin dal via, ma il portiere Lancini blinda la porta dei bresciani, prima smanacciando in corner il sinistro di Galli, poi respingendo la botta a fil di palo di Cottarelli ed infine negando il gol al colpo di testa ravvicinato di Gucci che al 22′ centra pure il palo.

Nella ripresa, in cui la pressione dei tigrotti perde un po’ d’intensità, il gol arriva per davvero, ma a farlo è Mair che al 73′ capitalizza il primo tiro nello specchio del Rezzato, su spunto di Giorgino. I tigrotti di Ivan Javorcic accusano il colpo, faticando a reagire con ordine, e gli orange di Emanuele Filippini portano a casa tre punti d’oro, riaprendo di fatto la corsa al vertice, dove in vetta si issa il Darfo Boario, impostosi con un tennistico 0-6 a Dro:

Accettiamo il risultato finale – osserva in sala stampa l’allenatore croato della Pro – ma voglio fare comunque i complimenti alla mia squadra per l’ottimo primo tempo disputato. Il calcio si è dimostrato imprevedibile, ma sono orgoglioso di questi ragazzi: rialzeremo presto la testa“. 

Mercoledì (ore 14.30) si torna subito in campo: nel turno infrasettimanale di campionato, la Pro fa visita alla Romanese, fanalino di coda del girone

PRIMO TEMPO

In uno “Speroni” freddo ma soleggiato, in cui campeggia nei popolari centrali lo striscione “Tu chiamale emozioni biancoblù” e in curva “Biancoblù nostra unica fede“, i tigrotti di Javorcic – in maglia biancoblù – devono optare per un cambio dell’ultimo secondo, rispetto alle formazioni riportate nella distinta ufficiale: dentro Gucci, fuori Santana (infortunatosi nel riscaldamento prepartita). Nel Rezzato – in completo orange – Emanuele Filippini lascia in panchina Cazzamalli e Caridi, oltre all’ex Ruopolo, schierando Jadid e Mair. In tribuna spicca, fra gli altri (Monza, Prina, Dalla Valle, Petenà e non solo…), la presenza di Carletto Regalia. 

00′ – Calcio d’inizio fra coreografia sugli spalti e fumogeni in curva

00′ – Con Santana out all’ultimo, la fascia da capitano va sul braccio di Colombo

01′ – Bel colpo d’occhio allo “Speroni”: gli ultras biancoblù alzano il volume

01′ – Gioco fermo per soccorrere il guardalinee, colpito da una pallonata

12′ – Sul sinistro in corsa di Galli, Lancini toglie la palla dall’incrocio

13′ – Gucci prova la girata acrobatica: palla deviata in corner da un difensore

14′ – Sul corner, prima un tocco dubbio in area bresciana, poi una fucilata di Cottarelli parata da Lancini

15′ – Terzo miracolo del portiere del Rezzato che nega da due passi il gol di testa a Gucci

22′ – Sul cross morbido di Le Noci, Gucci devia di testa: palla sul palo

30′ – Fallaccio di Ruffini M. su Gucci: l’arbitro non estrae il giallo

32′ – Filippini si trattiene il pallone, guadagnandosi le ire del pubblico e il richiamo dell’arbitro

39′ – Altro fallo su Colombo: per Coly stavolta scatta il cartellino

48′ – Dopo due di recupero squadre negli spogliatoi: lo 0-0 dell’intervallo sta strettissimo alla Pro Patria, vicina al vantaggio in almeno quattro occasioni, tre sventate dall’ottimo Lancini, ed una dal palo.

SECONDO TEMPO

Nessun cambio per Javorcic e Filippini, compagni di squadra (e di stanza nei ritiri) ai tempi del Brescia

00′ – Ripartiti

06′ – Le Noci perde l’attimo per l’aggancio in area

07′ – Gucci in diagonale, Lancini respinge: Colombo non trova l’impatto per il tap-in vincente

20′ – Gurini chiede il rigore: l’arbitro non interviene

25′ – Javorcic prova a cambiare qualcosa: dentro Disabato per l’applauditissimo Le Noci

28′ GOL REZZATO – Su una palla persa da Pettarin e conquistata da Giorgino, Mair capitalizza il primo tiro in porta: 0-1

32′ – Javorcic inserisce Pedone per Gazo

34′ – Quindi Bortoluz (per Galli)

36′ – E anche Mozzanica

38′ – Lancini prende la palla fuori dall’area, regalando una punizione dal limite

39′ – Il tiro, di seconda, di Disabato viene ribattuto dalla barriera

40′ – Pedone prova a mirare l’angolo lontano, la difesa bresciana si salva in corner

45′ – Dentro anche Chiaron per i 5 di recupero

46′ – Disabato devia di testa: fuori bersaglio

50′ – Dopo cinque di recupero, sul tiro pericoloso ma fuori bersaglio di Gucci, ecco il triplice fischio finale: il Rezzato – per la serie minimo sforzo, massima resa – sbanca lo “Speroni”, confermano una tradizione tutta bustocca per i grandi appuntamenti. Il risultato è bugiardo, ma la Pro della ripresa non è stata lo stessa dei primi spumeggianti 45′ di gioco. 

IL TABELLINO

Pro Patria-Rezzato: 0-1 (0-0)

Marcatore: Mair (R) al 28’st 

PRO PATRIA: Mangano, Cottarelli (dal 45’st Chiarion), Scuderi, Pettarin (dal 36’st Mozzanica), Zaro, Molnar, Gazo (dal 31’st Pedone), Colombo, Le Noci (dal 25’st Disabato), Galli (dal 34’st Bortoluz), Gucci. A disposizione: Guadagnin, Disabato, Arrigoni, Ugo, Santana. Allenatore: Ivan Javorcic

REZZATO: Lancini, Gurini, Tagliani, Giorgino, Jadid (dal 42’st Gualdi), Sane (dal 36’st Tissone), Mair (dal 34’st Ruopolo), Bertazzoli (dal 24’st Bellanzini), Ruffini M., Ruffini L., Coly, Kolena. A disposizione: Cozzamalli, Caridi, Mecca, Licini. Allenatore: Emanuele Filippini

ARBITRO: Pascarella di Nocera Inferiore (Licari di Marsala, Micalizzi di Palermo)

NOTE – Giornata fredda, ma soleggiata. Terreno in buone condizioni. Spettatori: 1400 ca. Ammonito: Coly, Lancini, Tagliani, Bortoluz, Colombo. Calci d’angolo: 7-1. Minuti di recupero: pt 3′, st 5′

LE PAGELLE di Emanuele Reguzzoni

PRO PATRIA (3-5-2): Mangano 6; Molnar 7, Zaro 6.5, Scuderi 6.5; Cottarelli 6.5, Colombo 7, Pettarin 6, Gazo 6,5, Galli 7; Gucci 6, Le Noci 6,5. Disabato 6, Pedone 6, Bortoluz 6, Mozzanica 6, Chiarion sv. Javorcic 6.

RISULTATI

Domenica 14 gennaioPro Patria-Rezzato: 0-1, Caravaggio-Trento: 3-0, Ciserano-Bustese: 1-1, Crema-Lecco: 2-0, Dro-Darfo Boario: 0-6, Grumellese-Romanese: 2-0, Lumezzane-Pergolettese: 1-1, Pontisola-Ciliverghe: 1-2, Virtus Bergamo-Levico Terme: 2-0. Riposa: Scanzorosciate.

LA CLASSIFICA

Darfo Boario punti 44; Pro Patria 42; Rezzato 40; Pontisola 38; Pergolettese 36; Lecco 33; Virtus Bergamo 30; Ciliverghe 29; Bustese 28; Levico Terme 27; Caravaggio, Crema 26; Lumezzane 24; Scanzorosciate 21; Trento 20; Ciserano 17; Grumellese 15; Dro 14; Romanese 10.

PROSSIMO TURNO

Mercoledì 17 gennaio (ore 14.30): Romanese-Pro Patria, Bustese-Scanzorosciate, Lecco-Dro, Ciliverghe-Virtus Bergamo, Darfo Boario-Pontisola, Levico Terme-Caravaggio, Pergolettese-Ciserano, Rezzato-Crema, Trento-Lumezzane. Riposa: Grumellese.

(Fotoservizio Pro Patria-Rezzato a cura di Giovanni Garavaglia)

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA