Nove parchi aperti in città
Proroga di altri sette giorni. Il Parco Alto Milanese rimane chiuso fino al 18 maggio

Di comune accordo tra il Consorzio Pam e le amministrazioni di Busto, Castellanza e Legnano, l’ordinanza di chiusura della grande area verde è stata prorogata di un’altra settimana, sino a lunedì 18 maggio compreso. Altri sette giorni di attesa, quindi, nel solco di una linea prudente che le tre amministrazioni hanno sempre voluto tenere e mantenere

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Seppur il tempo atmosferico non sia stato clemente in questi primi giorni della settimana, da lunedì 11 maggio gli abituali frequentatori delle piste ciclopedonali della Provincia di Varese hanno potuto riabbracciare i sentieri (pensiamo a quelli del fondovalle in Valle Olona o l’anello ciclopedonale del Lago di Varese) alla ricerca di un po’ di “libertà” e normalità, nel rispetto delle norme e degli altri.

Un po’ di pazienza in più, invece, devono avere ciclisti, runner e passeggiatori del Parco Alto Milanese. Perché, di comune accordo tra il Consorzio Pam e le amministrazioni di Busto, Castellanza e Legnano, l’ordinanza di chiusura della grande area verde di interesse sovracomunale è stata prorogata di un’altra settimana, sino alla data di lunedì 18 maggio compreso. Altri sette giorni di attesa, quindi, nel solco di una linea prudente che le amministrazioni comunali di Busto, Castellanza e Legnano hanno sempre voluto tenere e mantenere, in quanto non è semplice, a livello pratico e organizzativo, effettuare controlli adeguati all’interno di un’area così grande.

“Per le ragioni di prevenzione e cura della salute pubblica, si dispone l’ulteriore interdizione all’utilizzo e la chiusura del Parco sino al 18 maggio 2020 compreso. Si precisa che sono da considerarsi interdette tutte le aree di fruizione e la rete di sentieri utilizzate per camminate, passeggiate, corse e similare a piedi, in bicicletta, a cavallo e con ogni altra forma di frequentazione sino alla data del 18 maggio 2020. È possibile il solo accesso alle attività commerciali di primaria necessità, nei soli orari di apertura al pubblico, presenti nel territorio del Parco, nel rispetto delle indicazioni comportamentali e di sicurezza; è possibile altresì il solo accesso da parte dei residenti per raggiungere la propria abitazione situata all’interno del territorio del Parco Alto Milanese”.

I parchi aperti a Busto. Come comunicato settimana scorsa, da lunedì 11 maggio alcuni parchi della città, nove per l’esattezza, sono stati riaperti e sono fruibili nella fascia oraria tra le 8 e le 20. Si tratta dei parchi: Pastore, via Pastore (Beata Giuliana/Redentore), Sempione, Strada Statale Sempione (San Giuseppe/Beata Giuliana), “Per la Vita”, viale Stelvio (San Giuseppe), Foscolo, via Foscolo (centro), Giotto, via Giotto (Sant’Anna), Principessa Mafalda, via Principessa Mafalda (Sacconago), Marinai d’Italia, via Ferrer (Sacconago, dalle ore 7 alle 19), Campone, via Madonna del Monteleone (Borsano), Brazzelli, via Valle Olona (Santi Apostoli).

Questi nove parchi, come ha sottolineato il sindaco Emanuele Antonelli prima di predisporne la riapertura, sono “più facilmente monitorabili in termini di afflusso di pubblico, per la loro ubicazione e per le caratteristiche strutturali”. Le regole da rispettare sono sempre le stesse, quelle che – si spera – abbiamo saputo comprendere e accettare in questa pandemia, per tutelare noi stessi e gli altri. Non si può creare assembramenti, utilizzare aree giochi e con attrezzi sportivi, svolgere attività ludico-ricreative, fare feste e pic nic. Si deve mantenere le distanze interpersonali e indossare le mascherine.

Copyright @2020