Tutto può accadere, se ci credi

Quando luccica il buio "tutto può accadere, se ci credi". L'ha detto Mary Poppins in tempi antichi e ci si deve riflettere sopra, ancora oggi. Succede che ci si inventa un ....Premio Letterario, con un nome un tantino pomposo, sino a "far tremare le vene e i polsi" (Dante) con gente in giro a ridere per le velleità non troppo nascoste, per arrivare a onorare Busto Arsizio nel migliore dei modi

Gianluigi Marcora

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Quando luccica il buio “tutto può accadere, se ci credi“. L’ha detto Mary Poppins in tempi antichi e ci si deve riflettere sopra, ancora oggi. Succede che ci si inventa un ….Premio Letterario, con un nome un tantino pomposo, sino a “far tremare le vene e i polsi” (Dante) con gente in giro a ridere per le velleità non troppo nascoste, per arrivare a onorare Busto Arsizio nel migliore dei modi.

In giro si respira aria antica, mai sottaciuta e sempre …disonorata. Sino a dire che qui, proprio nel centro della Lombardia “operosa e pomposa” non è possibile fare Cultura come si deve. Per fare un passo del genere, ci si deve spostare a Milano o a Varese, ma …..cosa vuoi che sia Busto Arsizio!

Siam qui (ora) a celebrare DIECI anni di Premio Letterario….si, ma come?

Lasciamo stare gli aneddoti e le “porcherie” buttate in giro a disdoro d’un gioco allo sbaraglio che se non dovesse avere radici e fondamenta buone rischierebbe la ….perdita della faccia e il lavoro di chi vi è implicato. Fuori di metafora: il Premio Letterario MILLE e ….Una STORIA da noi inventato si è via via perfezionato nel corso delle dieci edizioni (includiamo anche la presente, per un motivo da illustrare nelle prossime righe) organizzate.

La frequenza prima di tutto, con le sue radici in ambito scolastico, a livello di Media Superiore.

Docenti e Studenti schierati in prima linea, a gratificarci di lavori all’altezza della situazione. Cioè: elaborati pregni di passione, di voglia di mettersi in gioco, di desiderio spasmodico di progredire in una maturazione personale non solo in ambito scolastico. Da qui, la fiducia degli sponsor ……di coloro che mettono il contributo economico dentro il loro assenso per un’iniziativa simile.

Tanto da consentirci la realizzazione di volumi su cui sono pubblicati i componimenti meritevoli di giudizio e di confronto, fra gli stessi Studenti, ma pure fra chi ritiene di cimentarsi col proprio talento letterario e misurarsi “ad armi pari” con tutti gli altri.

Nel “volo pindarico” di un decennio di costante e crescente partecipazione al Premio Letterario, siamo a commentare quello attuale ….quanto dovrà avvenire la sera del 29 novembre prossimo, al Teatro Sociale in Busto Arsizio, ore 21 precise, l’inizio della Cerimonia di Premiazione. Solo per fornire qualche dettaglio. Non certo per svelare sorprese o “trama” dell’evolversi organizzativo.

L’ingresso in Teatro è libero (sino alla capienza dei posti – i ritardatari dovranno giocoforza assistere da fuori). Ovviamente abbiamo riservato dei “posti a sedere” ai Protagonisti della serata; quindi non privilegi e nemmeno raccomandati, ma semplicemente giusto tributo ad Autorità, Sponsor e Attori (chi interpreta una parte importante dello spettacolo, nella fattispecie il Premio Letterario).

Tema di quest’anno “10 e lode” e….vi sembra poco? A noi, no!

A tutti i presenti in Teatro consegneremo ben TRE volumi: due di essi di oltre 300 pagine ciascuno (sic) con pubblicati i migliori lavori che la Giuria ha ritenuto di includere nella “Raccolta di Racconti”  – un volume coi componimenti pervenuti da tutta Italia e l’altro volume coi componimenti pervenuti dal mondo scolastico.

Terzo volume, con edizione “di prestigio” scritto dal collega Luciano Landoni e dal sottoscritto che racconta con dovizia di particolari la STORIA di questo ….MILLE e … Una STORIA dagli albori sino a oggi. Nel libro sono contenuti i sacrifici, le aspettative, le constatazioni, le …certezze che siamo sulla “pista” giusta, oltrepassando le “barriere” dei dubbi, delle invidie, delle recriminazioni di chi insisteva a dire (lo farà ancora? mah) che a Busto Arsizio non si fa Cultura.

I Libri saranno distribuiti GRATUITAMENTE a tutti i presenti in Teatro. Dopo di che, a partire dall’indomani, i libri saranno consegnati (sempre gratuitamente grazie ai nostri sponsor) agli Istituti scolastici, affinchè ogni Studente possa sentirsi non il protagonista ma UN Protagonista di una “storia” Culturale di cui fa parte. Ci abbiamo creduto. Ci crediamo. Vogliamo crederci in futuro.

Copyright @2019

DALLE RUBRICHE