Sindacato Adl sul furto delle ciliegie
Quando l’eccesso di zelo ottiene l’effetto contrario

Tre soggetti, che hanno avuto “l’ardore” e “l’ardire” di prendere due ciliegie (di numero e non una di più) dall’albero, sono stati sanzionati dalla Polizia Locale di Busto Arsizio con 50 euro di multa ciascuno. Una notizia che ha fatto il giro della città, soprattutto sulle pagine “social”, sollevando dubbi e perplessità sull’operato “intransigente” degli agenti. Riceviamo e pubblichiamo la nota del Sindacato di Base ADL

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Una sanzione amministrativa per danneggiamento del verde pubblico a tre cittadini che hanno spezzato un ramo a un albero di ciliegie di proprietà del comune. I tre soggetti, che hanno avuto “l’ardore” e “l’ardire” di prendere due ciliegie (di numero e non una di più) dall’albero, sono stati sanzionati dalla Polizia Locale di Busto Arsizio con 50 euro di multa ciascuno. Una notizia che ha fatto il giro della città, soprattutto sulle pagine “social”, sollevando dubbi e perplessità sull’operato “intransigente” degli agenti.

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Sindacato di Base ADL.

“Sulla vicenda relativa alla sanzione amministrativa elevata dalla Polizia Locale a carico di tre persone che hanno raccolto delle ciliegie da un albero sul marciapiede in Viale delle Ricordanze, avanziamo alcune considerazioni.

Innanzitutto non entriamo nel merito della correttezza giuridica della sanzione, in quanto non è compito di un’organizzazione sindacale, ma al contempo ci chiediamo come a volte l’eccesso di zelo di chi indossa una divisa ottenga l’effetto opposto a quello desiderato. Riflettiamo su recenti episodi che hanno indignato i cittadini e sembrano voler indicare che gli agenti protagonisti abbiano lasciato in soffitta il buon senso; episodi che vanno a discapito di tutti gli altri (la gran parte) che operano con professionalità ed abnegazione.

Ci interroghiamo se certi comportamenti non siano frutto di iniziative personali di qualche ufficiale o agente in mancanza di formazione adeguata, di direttive precise, di pressapochismo. In conclusione, non vorremmo per assurdo e per scherzarci sopra, che “agenti speciali” dotati di “fucile caricato a sale” sparassero a vista a pericolose commesse in procinto di aprire negozi o a pericolosi raccoglitori di ciliegie”.

Copyright @2020