Conferenza stampa di inizio anno del presidente UNIVA, Riccardo Comerio
“Quota 100 e Reddito di Cittadinanza non smuoveranno di una virgola le capacità di crescita del Paese”

Il presidente dell’Unione degli Industriali della provincia di Varese ha illustrato il quadro complessivo della condizione del sistema economico locale (senza dimenticare il contesto nazionale) e ha indicato le sei priorità mediante le quali favorirne la crescita

Luciano Landoni

VARESE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Nel corso della tradizionale conferenza stampa d’inizio anno, il presidente dell’Unione degli Industriali della provincia di Varese Riccardo Comerio da un lato ha illustrato il quadro complessivo della condizione del sistema economico locale (senza dimenticare il contesto nazionale) e dall’altro ha indicato le 6 priorità mediante le quali favorirne la crescita.

“Anche l’industria varesina sta rallentando, occorre reagire”, ha sottolineato il leader degli imprenditori iscritti all’UNIVA.

Come?
“Infrastrutture, produttività, carico fiscale, formazione, semplificazione, Europa”, le sei aree strategiche indicate da Riccardo Comerio su cui incidere.

Il 2018 si è chiuso con il 56,2% dell’industria varesina che ha dichiarato livelli produttivi  in aumento rispetto al trimestre precedente: un dato ancora positivo, ma in calo rispetto ai livelli dello stesso periodo di un anno fa, quando le attività in crescita si attestavano sul 69,2%.

Le previsioni per i prossimi mesi non risultato particolarmente favorevoli: solo il 29,6% delle imprese del Varesotto prevede di incrementare la produzione.

Positivo, invece, fino ad oggi il trend degli investimenti: nel corso del 2018, grazie al Piano Nazionale Impresa 4.0, ben il 53% delle imprese della provincia di Varese ha fatto investimenti nella manifattura digitale.

Una linea di tendenza che rischia però di interrompersi nel 2019, “dopo il ridimensionamento degli incentivi previsto in Legge di Bilancio”, ha rilevato il presidente dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese.

Infatti, la percentuale delle aziende che continueranno ad investire nell’Industria 4.0 scende al 34%.

Insomma, l’ultima edizione dell’indagine congiunturale elaborata dall’Ufficio Studi dell’UNIVA fotografa un panorama economico-industriale problematico, denso di criticità.

“Di fronte a questa situazione certamente non brillante e sempre meno performante – ha commentato Riccardo Comerio – risulta difficile credere che l’obiettivo di una crescita del Pil nazionale dell’1,5%, auspicato anche durante l’ultimo World Economic Forum di gennaio a Davos dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, possa essere agguantato dal Paese. Di più: sembra ormai essere messo in discussione anche il più modesto +1% inserito in Legge di Bilancio, dopo le pressioni sul Governo da parte della Ue per scongiurare la procedura d’infrazione all’Italia”.

Non basta appellarsi al rallentamento dell’economia a livello internazionale per spiegare la stagnazione-recessione del nostro Paese, la cui capacità di crescita nel 2019 sarà appena dello 0,6% (Ocse, Fmi e Banca d’Italia).

“Tutte queste previsioni quasi unanimi non possono essere liquidate come una congiura internazionale. È più verosimile  che l’Italia debba fare i conti nei prossimi mesi con una congiuntura sempre più difficile che impone già oggi al Governo di cambiare la propria politica economica. Abbiamo più volte ribadito in questi mesi, sia prima dell’approvazione, sia dopo il varo in Parlamento della Legge di Bilancio – ha sostenuto Riccardo Comerio –  che Quota 100 e Reddito di Cittadinanza non smuoveranno di una virgola le capacità di crescita del Paese”.

Una sostanziale bocciatura della politica economica governativa a cui ha fatto seguito una vera e propria esortazione rivolta all’esecutivo a trazione Lega e Movimento 5 Stelle e basata sulle 6 priorità di intervento mediante le quali (ri)scatenare la ripresa.

“Aprire nuovi cantieri e procedere su quelli già avviati – ha sentenziato Riccardo Comerio – è la via più breve e immediata per garantire un incremento del lavoro e dei livelli occupazionali. Ciò a partire dal completamento della Tav e della Pedemontana. Chi si oppone a queste opere si mette dalla parte sbagliata della storia”.

Non servono tanti studi costi/benefici, “basta la cartina geografica che pone l’Italia e Varese al loro centro dei principali corridoi europei per capirlo”, ha detto chiaramente il presidente di Univa.

La seconda priorità si chiama produttività: “Un tema poco popolare e poco elettorale, ma è questo il vero problema che blocca il Paese ad una bassa crescita. Per invertire la tendenza occorre sostenere le imprese nel processo di dare maggiore valore al proprio prodotto e servizio, prevedendo una politica di sostegno agli investimenti. Il contrario di quanto avvenuto con il ridimensionamento del Piano Impresa 4.0 deciso in Legge di Bilancio”.

“Non basta puntare ad una crescita generale dell’occupazione”, ha osservato Comerio: non tutti i settori sono uguali, non tutti sono in grado con la propria crescita di avere effetti benefici generali al di fuori del proprio perimetro.

Per avere degli effetti traino “bisogna, invece, incentivare l’occupazione in quei settori dove più elevato è l’andamento della produttività. Ossia nell’industria che negli ultimi anni ha incrementato la propria produttività ad un tasso medio annuo dell’1,1%, in linea con il trend tedesco e ben al di sopra della media generale italiana che si ferma al +0,14%”, ha spiegato il leader di UNIVA.

“Proprio per incrementare la produttività  occorre intervenire sulla leva fiscale non con interventi a pioggia, ma con una politica mirata ad abbattere il cuneo fiscale e detassando i premi di produttività”, ha ribadito Riccardo Comerio definendo la 3° priorità.

Il 4° fronte è quello della formazione, puntando su tre direttrici: “Incontro domanda-offerta, attraverso percorsi di studio in linea con le esigenze delle imprese, collegando mondo della scuola e mondo del lavoro, grazie a strumenti come l’alternanza, l’apprendistato, gli ITS-Istruzione Tecnica Superiore e il monitoraggio dei risultati di placement degli studenti (in questo senso non ci è sembrato lungimirante il taglio di 50 milioni di euro apportato dalla Legge di Bilancio ai fondi per l’alternanza);  cercare di rendere più efficiente il processo formativo riducendo la dispersione scolastica e l’abbandono dei percorsi di studio, i tassi di questo fenomeno sono ancora troppo alti, rischiamo di perdere capitale umano; puntare sulla formazione continua, da realizzare anche con il sostegno dei fondi interprofessionali”.

Quinta spinta riformatrice deve essere quella verso la semplificazione. “In questo senso – ha specificato Comerio – occorre portare avanti la riforma delle autonomie cogliendo questa imperdibile occasione per una sburocratizzazione della vita delle persone e delle imprese. Puntando su riforme a costo zero che però possano rendere più facile ai singoli territori attrarre investimenti, velocizzare i tempi dei permessi per ampliamenti e insediamenti produttivi, liberare forze il per il sostegno alle capacità dei cluster tecnologici (tra cui l’aerospazio) di trainare tutta l’economia regionale”.

La 6°, ma non ultima, leva da azionare si chiama Europa.

“Non è colpa della Ue, ma della stessa Italia e della propria classe politica e dirigente che opera a Bruxelles e a Strasburgo se gli interessi del Paese e della sua industria vengono spesso bistrattati in sede europea. Ogni forza politica deve responsabilizzarsi e raccogliere il consenso elettorale per le prossime elezioni europee, ormai alle porte, su temi europei e riguardanti il futuro della Ue e dell’Italia nella Ue, non su polemiche di cortile. Occorre poi creare seri e concreti percorsi in grado di dotare l’Italia di una classe dirigente e una classe politica che sappia stare in Europa ai giusti tavoli. Infine, bisogna battersi per l’introduzione degli Eurobond finalizzati al finanziamento di progetti comuni”.

“Non perdiamo forze cercando oggi i colpevoli dei momenti difficili che rischiamo di dover affrontare nei prossimi mesi o anni. Concentriamo, invece, le capacità del Paese – ha concluso Riccardo Comerio –  in un impegno programmatico di lungo respiro che sappia avviare da subito un cammino di crescita basata su un aumento della nostra produttività. Questo significa sostenere la vocazione industriale dell’Italia e dei suoi territori più manifatturieri e internazionalizzati come Varese”.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA

DALLE RUBRICHE