Alla partita della Pro Patria
Ruba lo zaino a tifoso ospite, denunciato trentenne di Fagnano

L’ultras della Pro Patria che domenica pomeriggio ha deciso di fare “visita” al pullman dei tifosi della Pergolettese è stato rintracciato e denunciato

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Ruba uno zaino ai tifosi ospiti e finisce nei guai. L’ultras della Pro Patria che domenica pomeriggio ha deciso di fare “visita” al pullman dei tifosi della Pergolettese è stato rintracciato, identificato e denunciato per furto aggravato in concorso e lesioni personali. Si tratta di un trentenne di Fagnano Olona, operaio pregiudicato e già in passato coinvolto in vicende legate ad incidenti nel contesto di manifestazioni calcistiche.

Il tifoso biancoblù, con la complicità di altri soggetti ancora in corso di identificazione, prima dell’inizio della partita tra Pro Patria e Pergolettese ha raggiunto la zona retrostante lo stadio “Speroni”, dov’era parcheggiato il pullman dei supporter ospiti, è salito a bordo dell’autobus e si è appropriato dello zaino che un tifoso cremasco aveva deciso di non portare sulle tribune.

L’autista del pullman, intento a consumare il pranzo in una zona poco distante, si è immediatamente accorto del fatto ed ha tentato in tutti i modi di evitare la fuga dell’autore del reato. Tra i due è nata una breve colluttazione, il trentenne è poi riuscito a fuggire con il bottino e a farla franca fino a sera, quando le ricerche dei carabinieri hanno dato esito positivo. L’autista del mezzo, durante la denuncia ai militari dell’Arma, ha fornito alcuni numeri della targa dell’auto a bordo della quale il tifoso si era dileguato. I carabinieri sono arrivati al trentenne di Fagnano dopo un intero pomeriggio di indagini. Trentenne che ha subito ammesso le proprie responsabilità, mentre lo zainetto è stato prontamente restituito al supporter della Pergolettese.

L’autista del pullman, un 60enne, è stato medicato al Pronto Soccorso dell’ospedale “Mater Domini” di Castellanza e giudicato guaribile in cinque giorni per il “trauma contusivo alla mano destra”.

La valutazione sulle responsabilità del trentenne tifoso della Pro Patria sono ora rimesse all’autorità giudiziaria.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA