LA COMMEMORAZIONE AL MUSEO DEL TESSILE
Sabato il ricordo dei deportati della “Comerio”

La cerimonia partirà al parco di via Magenta. Allo Spazio Arte Carlo Farioli verrà allestita una mostra

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

È in programma sabato 13 gennaio la commemorazione del 74° anniversario della deportazione della commissione interna della ditta “Comerio Ercole”, promossa dall’Amministrazione comunale unitamente alle Rappresentanze Sindacali Unitarie della Comerio Ercole s.p.a. e all’Associazione di promozione sociale “Noi della Comerio Ercole 1885” e con il contributo dell’Anpi e del raggruppamento patriottico divisione “Alfredo Di Dio”.

Il 10 gennaio 1944 alcuni lavoratori della ditta Comerio, Vittorio Arconti, Arturo Cucchetti, Ambrogio Gallazzi, Alvise Mazzon, Giacomo Biancini, Guglielmo Toia e Melchiorre Comerio, colpevoli di aver fomentato uno sciopero, vennero arrestati. Solo Comerio, fratello del titolare della ditta, venne rilasciato, gli altri furono deportati nel campo di sterminio di Mauthausen. Arconti, Gallazzi e Cucchetti non fecero ritorno a casa. Mazzon morì qualche mese dopo la fine del conflitto per gli stenti subiti nel campo. La manifestazione ricorderà anche i lavoratori della Comerio che hanno perso la vita per la Libertà, i partigiani Giovanni Ballarati, Luigi Caimi, Rodolfo Mara, Bruno Raimondi e Mario Vago.

La cerimonia prenderà il via alle 16.30 al parco “Comerio” (via Magenta/via Espinasse), dove si trova la lapide a ricordo del tragico avvenimento, con un momento di raccoglimento e posa delle corone. Sarà l’occasione per l’inaugurazione di un totem informativo realizzato dai ragazzi del liceo artistico Candiani.
Ci si sposterà poi alla sala conferenze del museo del Tessile in via Volta dove, alle 17.00, si svolgerà la commemorazione con gli interventi del rappresentante sindacale delle RSU della ditta Comerio”, del sindaco Emanuele Antonelli e dell’oratore ufficiale, Padre Giancarlo Bruni (Servo di santa Maria e fratello della Comunità monastica ecumenica di Bose). Alle ore 18.30 nella chiesa San Michele Arcangelo è in programma la santa Messa.

Alle 16.00 presso l’Associazione culturale Spazio Arte Carlo Farioli (via Pellico 15) sarà inaugurata “Storie di Resistenza”, mostra di tavole a fumetto a cura di Leo Magliacano, Tiziano Riverso, Elisabetta Farioli. Le illustrazioni sono tratte dal libro “Festa d’aprile. Storie partigiane scritte e disegnate”, pubblicato per il 70° anniversario della Liberazione dell’editore Tempesta di Roma. Le opere, firmate da fumettisti e vignettisti noti, raccontano storie sulla Resistenza che abbracciano tutta la Penisola offrendo un quadro variegato e coinvolgente, con un linguaggio immediato che riesce ad arrivare anche alle giovani generazioni.
L’esposizione sarà visitabile sino al 27 gennaio da giovedì a sabato dalle 16.30 alle 19.00; domenica 10.30 alle 12.00 e dalle 16.30 alle 19.00. Per l’occasione sarà a
disposizione anche il libro.

Copyright @2018