AMICHEVOLE IN VALCAMONICA
Sampdoria-Pro Patria: 4-0. A Temù tanti tifosi biancoblù

Non inganni il passivo finale: in una Temù colorata di biancoblù il poker dei blucerchiati di Di Francesco non offusca la prova comunque onorevole dei tigrotti di Javorcic

Mattia Brazzelli Lualdi

TEMU (BS)

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Ancora un test di serie A, stavolta contro la Sampdoria di Eusebio Di Francesco a Temù dopo la gara di giovedì scorso col Toro di Walter Mazzarri a Bormio; ancora un’amichevole ad alta quota, stavolta non in Valtellina, ma in Valcamonica a due passi dalla perla Ponte di Legno; ancora una sconfitta, più fragorosa nella forma (4-0), meno nella sostanza (di spessore il secondo tempo dei bustocchi); ancora una Pro Patria in maglia verde, stavolta però per giustificati motivi cromatici tali da non far arrabbiare i tanti tifosi biancoblù giunti ai piedi dell’Adamello per sostenere i tigrotti a pochi giorni del debutto stagionale in Coppa Italia contro i marchigiani del Matelica.

Risultato a parte, sancito da un finale di primo tempo chiuso in crescendo dai doriani dell’ex tigrotto Stefano Romano (a segno con Bonazzoli, Gabbiadini e Jankto), la squadra di Ivan Javorcic ha comunque mostrato, accanto ad un pizzico di comprensibile stanchezza per i carichi di lavori sostenuti nel ritiro di Sondalo, qualche ulteriore passo in avanti sul piano delle tenuta, soprattutto nella ripresa, quando l’intercambiabilità della rosa bustocca ha permesso alla Pro di tenere bene il campo e di sfiorare il gol per ridurre le distanze, prima del beffardo poker allo scadere di Bahlouli.

Nessun dramma ovviamente in casa biancoblù, dove invece la presidentessa Patrizia Testa ha espresso a nome della società profondo cordoglio per la scomparsa dell’ex Sindaco Gian Pietro Rossi, in vista dell’amichevole di fine ritiro prevista per sabato a Sondalo (ore 17) contro il Valposchiavo. Prima di allora, vale a dire giovedì, ci sarà però tempo per i calendari di campionato, con la serie C destinata a ritornare a giocare di domenica, ad eccezione di tre anticipi al sabato (uno per girone) e di un posticipo al lunedì.

Con i gironi già ufficializzati dopo la metà di luglio, con i calendari in via di pubblicazione prima di agosto e con il ritorno del calcio alla domenica pomeriggio per la gioia dei tifosi, se non fosse per l’accoglimento dei ricorsi di Bisceglie e Cerignola (con il raggruppamento C destinato a passare a 21 squadre) potremmo gridare alla normalità, o quasi.

IL TABELLINO
Sampdoria-Pro Patria: 4-0 (3-0)
Marcatori: Bonazzoli al 21′ pt., Gabbiadini al 24′ pt., Jankto al 45′ pt., Bahlouli al 45′ st.
UC SAMPDORIA (4-3-3): Cabral (1’s.t. Audero); Bereszynski (1′ s.t. Depaoli), Murillo (1′ s.t. Ferrari), Colley (15′ s.t. Regini), Sala (1′ s.t. Linetty); Praet (1′ s.t. Thorsby), Ekdal (1′ s.t. Viera), Jankto (15′ s.t. Barreto); Gabbiadini (1′ s.t. Ramirez), Bonazzoli (1′ s.t. Quagliarella), Caprari (1′ s.t. Maroni (25′ s.t. Bahlouli)). A disposizione: Falcone. All. Di Francesco.
PRO PATRIA 1919 (3-5-2): Tornaghi (1′ s.t. Mangano, 20′ s.t. Tornaghi); Molnar (1′ s.t. Battistini), Lombardoni (24′ s.t. Molinari), Boffelli (1′ s.t. Marcone); Cottarelli (1′ s.t. Spizzichino), Ghioldi (1′ s.t. Colombo), Fietta (1′ s.t. Bertoni), Pedone (1′ s.t. Palesi), Galli (37′ s.t. Cottarelli); Le Noci (1′ s.t. Defendi), Parker (1′ s.t. Mastroianni). A disposizione: Angelina, Ferri. All. Javorcic
ARBITRO: Sangalli di Treviglio (Leonetti di Chiari e Riganò di Chiari).

Copyright @2019