QUINTA TAPPA “BUSTI GRANDI”
“Sarà uno spettacolo”. Busto ospita il Giro d’Italia di Handbike

Gli atleti gareggeranno domenica 3 settembre in un percorso che si snoderà lungo le vie del centro. Chiuso il traffico alle auto dalle 10 alle 13

GIOGARA

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Tutto pronto per la quinta tappa del Giro d’Italia di Handbike, manifestazione leader in Italia e in Europa, che per la prima volta si svolgerà a Busto Arsizio domenica 3 settembre.

Il percorso attraverserà le vie cittadine su un tracciato predisposto e concordato con il Comando di Polizia Locale, lungo 4,2 km con partenza alle ore 11 dal Museo del Tessile dove sarà allestita la logistica. L’itinerario è il seguente: via Volta, piazza Cristoforo Colombo, via Zappellini, via Fratelli d’Italia, piazza Garibaldi, via Crespi, piazza Trento e Trieste, via Mazzini, via De Gasperi, piazza Manzoni, via Pellico, viale Rimembranze (da via Pellico a viale Assisi), viale Assisi, via Palestro (da viale Assisi a piazza Manzoni), piazza Manzoni, piazza San Michele e ritorno in via Volta.

Pertanto, la circolazione delle auto sul percorso sarà sospesa dalle 10 alle 13 e non ci saranno varchi per l’uscita dei mezzi lungo il percorso.

A farsi carico dell’organizzazione della manifestazione è il Gruppo Alpini di Busto, coordinato da Franco Montalto, che si avvarrà del supporto di sessanta “penne nere” provenienti da tutta la provincia. La presentazione ufficiale dell’evento si è tenuta a Palazzo Gilardoni: “Sono veramente orgoglioso di aver portato questa tappa di Handbike a Busto – ha detto il sindaco Emanuele Antonelli – spero sia accolta bene dai cittadini, senza lamentele ma solo con tanti sorrisi e applausi. La giunta al completo sarà presente sia alla partenza sia lungo tutto il circuito”.

L’iniziativa è nata su proposta dell’assessore Alberto Riva, in veste di Alpino, accogliendo la richiesta di Susanna Arnoldo, moglie di Vito Lascaro (atleta bustocco di Handbike), e dell’alpino Giuseppe Colombo, coordinatore della logistica. “L’amministrazione ci ha assistito risistemando tombini e buche della strada lungo il percorso – sottolinea il capogruppo degli Alpini, Montalto – siamo sempre disposti a dare una mano a chi è in difficoltà. Per Busto è una grande e bella iniziativa che corona i festeggiamenti per il 90esimo della nostra sezione”.

Sono 85 gli atleti da tutta Italia che parteciperanno alla tappa di “Busti Grandi”. L’evento è sostenuto anche da Aias Onlus e Fondazione Comunitaria del Varesotto. L’assessore all’Inclusione Sociale Miriam Arabini ringrazia organizzatori, sponsor e protagonisti: “Busto ha sempre avuto passione per il rosa del giro, speriamo scocchi la scintilla anche in questa occasione. Ogni volta la disabilità nello sport ha una sfumatura diversa e dimostra quanto sia importante terapia ed integrazione; è un orgoglio vedere atleti plurimedagliati come Riccardo Maino. La città risponderà in maniera positiva e corposa a livello di tifo, spero sia solo il primo di una lunga serie di eventi.

Il vicesindaco e assessore allo sport Stefano Ferrario commenta: “Ѐun evento sportivo che non va guardato con occhi differenti perché questi atleti sono disabili. Sono atleti come tutti gli altri. La competizione sarà di alto livello”. Grande soddisfazione per Walter Ferrari, presidente del comitato organizzatore del Giro d’Italia di Handbike, che ha invitato la cittadinanza a sopportare qualche piccolo disagio in considerazione “dell’alto valore sociale e sportivo” dell’evento: “Abbiamo portato avanti un lavoro veramente impegnativo e di responsabilità. Sono convinto che insieme si possono raggiungere grandi risultati per lo sport dei disabili. Non sono solo atleti ma maestri di vita da cui ogni giorno abbiamo qualcosa da imparare”.

La manifestazione sarà affiancata da un trofeo intitolato a Maria Letizia Ferrario per avvicinare il mondo femminile al ciclismo. Al termine della gara ci sarà un rinfresco offerto dai ragazzi dell’Enaip di Busto e l’immancabile polenta e bruscitti preparata dagli Alpini.

Lucia Trevisan, della Federazione Ciclistica Italiana e del comitato organizzatore del Giro d’Italia, ha ringraziato l’amministrazione comunale e gli Alpini per la possibilità di svolgere una gara per le vie del centro: “Ѐ un orgoglio avere un’organizzazione così, il percorso non è semplice ed è molto tecnico, sarà uno spettacolo per tutti”.

Le tappe del Giro sono otto: oltre a Busto, Magenta, Tirano, Chiavari, Roccaraso, Cologne, Desio e gran finale all’arena di Verona.

Copyright @2017

LEGGI ANCHE