L'ATTRICE HA PRESENTATO LA NUOVA EDIZIONE DEL SUO ROMANZO AUTOBIOGRAFICO
Sarah Maestri a Busto: “Quella bambina sono io…”

Più di cento persone hanno partecipato alla serata di presentazione del volume “La bambina dei fiori di carta” dell’attrice luinese Sarah Maestri, alla parrocchia dei Santi Apostoli

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Superaffollata la sala della parrocchia dei santi Apostoli per la presentazione della nuova edizione del libro “La bambina dei fiori di carta”, il romanzo autobiografico di Sarah Maestri, affermata attrice cinematografica protagonista di tanti successi tra cui “Notte prima degli esami” .

Il volume, uscito nel  2009, è stato pubblicato arricchito di un nuovo capitolo intitolato “Dieci anni dopo è tutta un’altra storia” ed è il racconto vero, visto attraverso i suoi occhi di bambina, dell’esperienza vissuta all’ospedale San Matteo quando a soli 3 anni le diagnosticarono una grave malattia emolitica. Gran parte della sua infanzia l’ha trascorsa così, tra esami e terapie, e quelle giornate erano scandite imparando a realizzare i fiori di carta senza mai smettere di sognare.

“Mi fa tanta tenerezza la ragazzina che ha scritto questo libro, avrei voglia di abbracciarla”, rivela Sarah Maestri che, nel corso della serata, ha lanciato messaggi densi di significato ed emozioni: “Quando si incontra una persona non bisogna mai fermarsi all’apparenza perché non sappiamo mai quali sofferenze porti con sé. Siamo tutti una meraviglia stupenda dobbiamo solo scoprire il nostro talento e metterlo a servizio degli altri”. Dietro i riflettori e la carriera di successo possono nascondersi paure, delusioni e anche la malattia, ma l’amore per la vita è più forte di tutto e per Sarah la fede è stata un grande sostegno nel superare le prove più dure. “ Nel momento del successo – racconta – quando ricercavo le luci del mondo, ho scoperto che quell’amore che tanto ricercavo lo potevo trovare in Gesù, attraverso la comunità cattolica Nuovi Orizzonti”.

L’evento, moderato dalla psicoterapeuta Rosa Versaci di “Caffè Letterario”, è stato organizzato dal consigliere comunale Alessandro Albani, che ha sottolineato: “Sarah è una delle attrici più intense ma anche una persona di grande umanità”.

Alla serata è intervenuto anche il parroco don Maurizio Bianchi. A portare il saluto istituzionale, l’assessore Manuela Maffioli che ha osservato: “La cultura oltre ad essere strumento di crescita dell’individuo è anche a servizio del benessere e del sociale”.

Copyright @2019