Sei qui, Gianni

Lo so che sei qui, Gianni. Me lo dice il cuore. Il dolore sta vincendo. Tu sai togliere a noi la disperazione. Il film della vita, mi trascorre nella mente. Tanta vita ci ha visti insieme. A cominciare da una vacanza in Sicilia...

Gianluigi Marcora

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Lo so che sei qui, Gianni. Me lo dice il cuore. Il dolore sta vincendo. Tu sai togliere a noi la disperazione. Il film della vita, mi trascorre nella mente. Tanta vita ci ha visti insieme. A cominciare da una vacanza in Sicilia, quando mi hai presentato come “cumpari” ….io, il Padrino di Alessandro. Quante “inchianate” al Tindari, al Santuario della Madonna nera. Davanti, il mare terso come un lenzuolo pulito. Sotto, lo strapiombo, la spiaggia con l’insenatura che somiglia a una Madonna in preghiera. E il torneo di calcio al paese. Avevi reclutato i “ragazzi senza ingaggio” e facesti indossare loro la maglia di Busto Sport ….la sorpresa, per me fu enorme.

Lottarono contro i “professionisti” e la nostra squadra vinse il torneo a 24 squadre….incredibile cosa può fare la passione, la voglia di combattere per un ideale, la parola da mantenere, l’unione di valori che scaturiscono dal rispetto e dal bene. Poi, altre mille “battaglie” coi Gala da organizzare. Sempre tu al mio fianco, per onorare un impegno davanti a 600 persone. Non una volta ….16 volte, Gianni. Con garbo, signorilità, consigli perfetti….compreso quella volta che mi affrontasti a muso duro, per via delle sigarette che “ingoiavo” una dietro l’altra, per contenere lo stress. “Adesso basta, cazzo” e fu l’unica volta che perdesti le staffe e mi apostrofasti a male parole. Una prova, la tua, e di generosità e di fratellanza con me che mi aiutò molto. E ti ringraziai commosso.

Tutto è andato liscio e tu a lasciare agli altri, gli applausi e a mantenerti sempre nelle retrovie. E le notti passate alla Elioterapica per i famosi quattro giorni della “Olimpiade” di Busto Sport, con una indimenticabile “cena” alle 4 del mattino, a base di ….cornetto Algida per il “tutto esaurito” dalla marea di persone che ci sono venute a trovare.

In Sicilia, mi hai illustrato ogni zolla. Su al paese, Sant’Angelo di Brolo coi suoi saliscendi. Intorno, il profumo di zagara si mischiava con lo spettacolo dei fichi d’india trovati a ogni ciglio di strada. E la “fontana da spegnere, ricordi?” durante una “scinnuta” dal “Soccorso” bloccasti la vettura e mi invitasti a ….chiudere il rubinetto (sic). E la corsa a piedi organizzata dalla “Pro Loco” con 200 al via ….massacrante, incresciosa, incredibile, ma siamo arrivati al traguardo ….tu 78° io 88° con il cuore a scoppiare di gioia per avercela fatta. Quindi, Gliaca di Piraino ….l’altro ieri.

Il dialogo fra noi era sempre presente. Bastava avere un problema che subito avevi la soluzione. Non ho sbagliato a scrivere. Sapevi anticipare il “da farsi” prima ancora di avertelo chiesto, come fa l’Ispettore Fazio col Commissario Montalbano. Per anni siamo andati avanti così. Abbiamo visto insieme “il Padrino” film bellissimo. E tu a dirmi “sei tu, Vito Corleone …io sono Tom Hagen, il Consigliere” a cui hai fatto seguire la frase “sei più terrone di me” per dirmi che a certi valori, non si deve derogare.

Quanti aneddoti mi scivolano addosso, Gianni. Ciascuno mi lascia un’impronta ….gita a Taormina e prima alle grotte di Alcantara, Gioiosa marea, Capo d’Orlando, Cefalù ….ogni tappa un giro d’orizzonte fra le viuzze antiche e tu a ….illustrarmi ogni particolare, sapendo quanto amo la storia e il folclore. 

Ci hanno unito, poi le Tradizioni. Tu da perfetto “Siculo” ad amare la mia Busto Arsizio. Io a dire col cuore, da Bustocco “nativo e lavativo” quanto amo la tua Sicilia. Ed è qui la simbiosi tra due che si rispettano veramente. E non solo a parole.

Lo so che sei qui, Gianni. Ne abbiamo vitale bisogno. Laura, Alessandro, Arianna avranno sempre bisogno di te, come le tue deliziose nipotine….ma anche tutti noi. Il dolore è tanto. Ci consola che adesso sei da mamma Carmela. L’anima….la tua anima, resta con noi. Lo so che continuerai a dare i tuoi preziosi consigli….con garbo, signorilità, altruismo, responsabilità …. lasciami dire che io non ho fratelli, ma che tu mi hai insegnato cosa vuol dire volere bene, anche se ….non consanguinei. So che sei qui, Gianni. Ti abbraccio col cuore e….continua ad essere per me …Tom Hagen. Ti voglio bene!

Copyright @2020

DALLE RUBRICHE