In viale Stelvio arriva la Polizia
Sembra lite, ma è rapina. Arrestati coniugi nigeriani

L’intervento per quella che sembrava una semplice lite ha fatto scoprire una rapina e si è concluso con l’arresto di un uomo e una donna, marito e moglie di 31 e 34 anni

Polizia Gallarate

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

L’intervento per quella che sembrava una semplice lite ha fatto scoprire una rapina e si è concluso con l’arresto di un uomo e una donna. I fatti risalgono a mercoledì 6 giugno quando, alle 12.30 circa, la volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio è intervenuta in viale Stelvio, all’altezza degli uffici dell’Asl, dov’era stata segnalata una violenta lite tra due uomini e una donna di colore. Al momento dell’arrivo della pattuglia la zuffa era ancora in atto. I contendenti, soprattutto i due uomini, avvinghiati e separati a fatica dagli agenti che potevano constatare come uno dei due, nigeriano come gli altri protagonisti della vicenda, portasse sul volto i segni delle percosse e come i suoi pantaloni fossero strappati all’altezza di una tasca.

La vittima ha spiegato ai poliziotti che poco prima aveva casualmente incontrato la sua connazionale e il marito, peraltro in compagnia dei tre figli di tenera età. La “famigliola” gli aveva intimato l’immediato pagamento di una somma di denaro a saldo di un debito a loro dire risalente a circa tre anni fa e, secondo l’aggredito, del tutto inesistente. Mentre l’uomo gli metteva le mani addosso, colpendolo con dei pugni al volto e all’addome, la donna incitava il marito e, approfittando del fatto che la tasca dei pantaloni fosse strappata, si impossessava del suo portafogli e dei 35 euro che conteneva. Somma che effettivamente la donna, sedutasi a bordo dell’automobile all’arrivo della volante, teneva ancora in mano.

I due coniugi nigeriani, di 31 e 34 anni, in possesso di permesso di soggiorno e domiciliati in provincia di Novara, sono stati arrestati per rapina. L’uomo è stato condotto in carcere e la donna messa agli arresti domiciliari.

Copyright @2018