Si discute e si sta insieme…

Ci si stupisce per i “litigi politici” eppoi “si va avanti”. A Roma come a Busto...

Gianluigi Marcora

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Ci si stupisce per i “litigi politici” eppoi “si va avanti! Ѐ un leit motiv sorpassato e che merita una puntualizzazione, seppur sommaria. A Roma, Salvini fa la voce grossa, ma minaccia soltanto la crisi di governo. A Busto Arsizio, Speroni (Segretario della Lega locale) “non è contento”, ma sul “prendere o lasciare” del Sindaco Antonelli, ha già detto che “prende”.

La morale, qual è? A Roma non ci saranno le elezioni (paventate, minacciate, respinte) e a Busto Arsizio non ci sarà “rottura”. Vediamo il perché, con una premessa. Vista mai una famiglia dove “tutto va ben, madama la marchesa?”. Non esiste. Si dice a Busto che “ogni cà l’e fèi da sassu e gàn tutti ul so fràcassu” (ogni casa è fatta di sasso e hanno tutte il loro fracasso (inteso come discussione, litigio, puntualizzazioni”. Si discute, si litiga e, dove conviene “si sta insieme“.

Immaginatevi uno sconquasso a Roma, senza il Governo M5S-Lega. Ci sarebbe un PD in agguato che ha già manifestato le proprie “debolezze”… anche ieri, quando taluni suoi adepti hanno votato a favore della proposta del M5S per il TAV. Poi c’è Salvini che ha “sul capo” la spada di Damocle (Berlusconi). Se Salvini dovesse “spaccare il Governo”, la Lega potrebbe pure raccogliere i consensi dell’Elettorato, ma tali consensi, non sarebbero sufficienti a formare una maggioranza. E qui, il “cobra” Berlusconi, si vendicherebbe con l’alleato (Salvini) che non se l’è sentita di “mandare a casa” il M5S con cui ha stretto un patto di “belligeranza” quando occorre, ma pure un “patto del fare” che “attinge” a quanto fa il M5S… non ci credo alle Elezioni anticipate. Determinerebbero la “fine di Salvini” che non sarebbe più libero di scorrazzare in giro e assolutamente subirebbe la “potenza” di Berlusconi.

A Busto Arsizio c’è già una “ammissione” di strategia: Speroni “non è contento”, ma resta insieme ad Antonelli, nel governo della città. Si andasse alle elezioni anticipate, si ripeterebbe l’esito in atto da circa 25 anni dove a vincere sarà il Centro Destra e tutto il resto sarebbe …..mediocre.

Inoltre, qui, a Busto Arsizio c’è una Forza Italia debole e tutto il peso elettorale ricadrebbe sulla Lega, con il solito aiuto delle Liste Civiche e l’appoggio di Fratelli d’Italia che non è ancora una “forza” su cui stringere alleanze. Immaginare un PD che stravolga le “intenzioni” di Bustesi e Bustocchi (ora più che mai) è inimmaginabile. Qui c’è una roccaforte targata Centro Destra e con questa maggioranza si va avanti.

Conviene soprattutto alla Lega di mantenere al sicuro la Giunta Antonelli. Il rischio di perdere il potere è elevato; specie a far capire alla gente che gli equilibri li detta Antonelli e non Speroni. Lui è il Sindaco della città e Speroni il Segretario del Partito di Maggioranza. Lega “sola al comando” non esiste e Speroni (intelligente Politico) sa che non può tirare troppo la corda.

Attendiamo gli eventi: anche per confrontarli con le supposizioni!

Copyright @2019

DALLE RUBRICHE