OLGIATE: IL GRUPPO INDIPENDENTE SUL BILANCIO
“Si fanno solo scelte di immagine”

Le conclusioni del Sindaco Montano sul Consuntivo di bilancio 2017 non sono piaciute ai membri del gruppo Indipendente, che tengono a precisare come i numeri raccontino una situazione ben diversa

Loretta Girola

olgiate olona

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Le conclusioni del Sindaco Montano sul Consuntivo di bilancio del 2017 non sono piaciute ai membri del gruppo Indipendente, che tengono a precisare come i numeri raccontino una situazione ben diversa. “L’avanzo del 2017 è di 443.394 euro – spiegano Alda Acanfora, Gianfranco Roveda e Giorgio Volpi –  di cui 187.495 euro per spese correnti; si tratta di cifre importanti e non utilizzate, ma si continua a dire che non ci sono i soldi, quando la realtà è che non si sanno usare, e non si usano come si deve, i denari della comunità.

Con un importo così rilevante che si potevano dare e migliorare servizi offerti alla cittadinanza e fare investimenti importanti, che da tempo aspettano di partire, come ad esempio la ristrutturazione di Villa Gonzaga, che è ferma da quattro anni, nonostante il milione di euro messo a disposizione da Faccincani che è ancora in attesa di una proposta concreta e seriamente realizzabile, e non dell’assegnazione di incarico di progetto preliminare, fatta, tra l’altro solo negli scorsi mesi. Anche il progetto per la realizzazione di una ciclopedonale e della riqualificazione area a verde bosco del “Roccolo” lungo Via Morelli è ancora in attesa; i privati erano disponibili a intervenire su entrambi i fronti, ma l’Amministrazione ha incamerato i soldi affermando che sarebbe subito intervenuta, ma dopo due anni ancora stiamo aspettando. Non dimentichiamo poi che nella convenzione del Piano di Lottizzazione riguardante il polo chimico, approvato a luglio 2017, era previsto, entro 3 mesi dall’approvazione, non dalla sottoscrizione, l’obbligo di presentare alla Soprintendenza progetto di restauro di 5 locali per un costo di 295.397 euro, finendo i lavori entro febbraio 2019; ma nulla di tutto questo è stato rispettato.

Nel 2017, poi, per gli asfalti solo rappezzi, praticamente il nulla, che è poi quello che è stato fatto nel 2016 fatto, e non si è nemmeno voluto partecipare al bando nazionale per le scuole; anche per quanto riguarda la sicurezza non è stato fatto nessun passo avanti, e lo stesso si può dire per la costruzione della nuova palestra, la cui gara d’appalto è andata deserta. Anche per quanto riguarda i 12 alloggi popolari vuoti dopo quattro anni ancora nulla di fatto, nonostante la richiesta da parte delle famiglie in difficoltà; i lavori costerebbero 263 mila euro, e gestendo in maniera diversa il bilancio ora al posto dell’avanzo avremmo degli appartamenti ristrutturati e famiglie sistemate.

Dopo il cambio delle luci, che è costato 580 mila euro, l’illuminazione pubblica è stata abbandonata, nonostante l’impianto presenti pali fatiscenti, fili volanti e fuori norma; inoltre nessuna valutazione di come e in che modo intervenire, con il risultato che prossima amministrazione dovrà rivedere tutto. Tutto questo testimonia l’incapacità di programmare a favore della comunità, di investire con oculatezza e di valorizzare le proprietà pubbliche; si fanno solo scelte formalmente di immagine, ma sempre inadeguate, nascondendo le informazioni e l’incapacità di gestione”.

Copyright @2018