LE MINORANZE CONTESTANO
“Si sarebbe potuto chiedere di più”

Approvata durante l’ultimo consiglio comunale, seppur tra qualche polemica, la convenzione tra i comuni di Castellanza e Legnano per l’utilizzo del palazzetto dello sport, che anche quest’anno ospiterà alcuni eventi organizzati dalla città confinante

Loretta Girola

castellanza

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Approvata durante l’ultimo consiglio comunale, seppur tra qualche polemica, la convenzione tra i comuni di Castellanza e Legnano per l’utilizzo del palazzetto dello sport, che anche quest’anno ospiterà alcuni eventi organizzati dalla città confinante. “La convenzione coinvolge il nostro Comune, quello di Legano e Castellanza Servizi e Patrimonio – ha illustrato il consigliere Luigi Croci – e prevede un impegno economico di 50 mila euro da parte del Comune di Legnano, che in cambio riceverà 18 giornate di utilizzo gratuito della struttura e uno sconto del 50% sulla metà delle ore di allenamento”. La convenzione, infatti, prevede l’utilizzo gratuito da parte del Comune e delle squadre legnanesi per 18 giornate, tra campionati ed eventi, ma le ore settimanali di allenamento sono comunque a pagamento.

A contestare l’ammontare della richiesta fatta per l’utilizzo della struttura è stato il consigliere Paolo Colombo: “A parer nostro – ha commentato l’esponente di Castellanza al Centro – si sarebbe potuto negoziare un accordo migliore; sia per quanto riguarda la cifra, sia per quanto concerne la messa a disposizione ai cittadini castellanzesi delle strutture sportive presenti al Legnano, come, ad esempio, una convenzione per l’utilizzo della piscina”.

“La cifra della convenzione è stata stabilita da CSP – ha risposto Croci – e abbiamo ritenuto opportuno avvallare la richiesta anche per non entrare in contrasto con il Comune di Legano, con il quale abbiamo rapporti a tutto tondo. Bisogna tenere poi conto che le squadre castellanzesi da sole non sarebbero in grado di far fronte al mantenimento del palazzetto, e, anche se lo fossero, non bisogna dimenticare che la maggior parte riceve dei contributi da parte del Comune, quindi, di fatto, i costi sarebbero comunque a carico dell’Amministrazione”.

Ma la collaborazione tra i due comuni confinanti per quanto riguarda gli spazi destinati alle attività sportive potrebbe ampliarsi nei prossimi anni; Legnano, infatti, ha approvato una variante del PGT che prevede la possibilità di costruire nelle arre adiacenti al palazzetto degli impianti a servizio dello sport. “Questo tipo di progettualità – ha concluso il Sindaco Mirella Cerini – permetterebbe di realizzare nuove strutture a servizio del palazzetto, andando a creare un vero e proprio polo sportivo di grande valore; entrami i comuni sono interessate a quest’ipotesi futura, che permetterebbe di rispondere in maniera totale alle esigenze di entrambi i territori”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA