Azienda Consortile Medio Olona
Contributo affitti. “Importante misura di sostegno alle famiglie

L’Assemblea dei Sindaci dell’Azienda Consortile Medio Olona ha approvato una misura a sostegno degli affitti per chi ha avuto difficoltà a causa della crisi che stiamo attraversando

Loretta Girola

castellanza

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

“Si tratta di un’importante misura di sostegno alle famiglie, che si affianca a quelle già attivate da ogni singolo Comune – spiega il Sindaco Mirella Cerini, Presidente dell’Assemblea Sindaci dell’Ambito Castellanza Valle Olona – la collaborazione attiva tra le Amministrazioni del nostro territorio nella programmazione e gestione dei servizi alla persona, è ancora più preziosa in questo periodo di emergenza, perché permette di mettere in campo risorse ed energie che ogni singolo comune non potrebbe garantire”.
Ma nel dettaglio cosa prevede il provvedimento votato dall’Assemblea? Si tratta di un bando che ha lo scopo di offrire ai cittadini dell’ambito aiuti per il mantenimento dell’alloggio in affitto nel mercato privato. In particolare, i sindaci hanno stabilito di “dare avvio alla misura integrando le risorse già assegnate con le risorse residue relative ai fondi per l’emergenza abitativa, nonché di quelli per la morosità incolpevole e per la mobilità nelle locazioni, per poter far fronte alle numerose domande che perverranno sulla misura unica, a seguito della grave situazione di emergenza venutasi a creare”.

Per migliorare l’efficacia degli interventi è previsto che le iniziative siano gestite, e programmate, a livello di Ambito Territoriale. Dunque, il contratto di locazione per il quale si richiede un contributo deve essere relativo ad unità ad uso residenziale che si trovano in uno dei Comuni di Castellanza, Fagnano Olona, Gorla Maggiore, Gorla Minore, Marnate, Olgiate Olona e Solbiate Olona. Per poter eccedere al contributo è quindi necessario essere cittadino italiano o di uno stato facente parte dell’Unione Europea o avere un regolare permesso di soggiorno ed essere residente in uno dei Comuni dell’Ambito, non essere sottoposti a procedure di rilascio dell’abitazione e non essere proprietari di alloggio adeguato in Regione Lombardia. Inoltre, si dovrà essere residenti in un alloggio in locazione almeno dal 30.03.2019 ed avere un ISEE fino a 26.000 euro.

La misura, poi, prevede alcuni criteri preferenziali per la concessione del contributo specificatamente legati alla crisi dell’emergenza sanitaria; in particolare si tratta della perdita del posto di lavoro o di una consistente riduzione dell’orario, del mancato rinnovo dei contratti a termine, della cessazione di attività libero-professionali e della malattia grave, o decesso, di un componente del nucleo familiare. La domanda potrà essere presentata entro il 15 giugno e dovrà essere trasmessa via mail all’indirizzo e-mail: [email protected].

Copyright @2020