- InformazioneOnLine - http://www.informazioneonline.it -

“Sindaco allo sbando, ci dica dove vuole portare Busto”

Dopo le improvvise dimissioni [1] dell’assessore ai Servizi sociali Miriam Arabini, il Partito Democratico parla di una “maggioranza a pezzi”, con un sindaco Emanuele Antonelli “allo sbando”.
“Questo ennesimo colpo subito dalla maggioranza a seguito della crisi politica apertasi il 7 maggio – scrive in una nota il Pd – rappresenta la conferma della necessità che il sindaco chiarisca dove voglia portare Busto nei prossimi due anni. Il Partito Democratico ringrazia l’ex assessore Arabini per la professionalità con la quale ha svolto il suo mandato e per la correttezza nel manifestare le ragioni delle sue dimissioni, che non intendiamo in alcun modo strumentalizzare”.

Per la sezione guidata da Paolo Pedotti (nella foto), “la sua scelta ha soltanto anticipato quel rimpasto di giunta che si è palesemente reso necessario in seguito a quanto emerso nell’inchiesta Mensa dei poveri e ai risultati delle elezioni europee, che hanno visto trionfare la Lega nazionale. Questo rimpasto, tuttavia, è finalizzato alla mera redistribuzione dei pesi e delle poltrone internamente alla coalizione di centrodestra”.

I democratici ricordano anche all’ultima, tesissima seduta del consiglio comunale: “Non emerge infatti alcuna autocritica politica sul percorso che ha condotto l’Amministrazione a questa crisi. Anche i chiarimenti dati dal Sindaco durante lo scorso consiglio comunale sono stati doverosi, ma non puntuali ed esaustivi: Antonelli non ha risposto ad alcuna domanda sulle prospettive future per la sua Amministrazione.

Ci chiediamo, quindi, se l’improvvisazione sia la caratteristica sulla quale questa maggioranza voglia costruire l’ultima parte del mandato dal momento che qualunque rimpasto sarà così radicale da rappresentare una forte discontinuità rispetto all’attuale amministrazione, ormai giunta al capolinea politico, privata del suo azionista di maggioranza (Forza Italia) e delle energie civiche che l’avevano contraddistinta”.

“Nell’ultimo mese – concludono – questa amministrazione è passata da un centrodestra a forte impronta civica, come orgogliosamente rimarcato più volte dal Sindaco, ad un monocolore salviniano- leghista. In questa situazione il Sindaco avrà il coraggio di mantenere fede alle sue idee o si abbasserà alla mera bottega politica per rimanere al suo posto? E intanto la città attende risposte!”.